VERTICE SU TELERISCALDAMENTO,
RIVA (M5S): “DEL TUTTO INUTILE”.
FUORI PROTESTANO GLI ATTIVISTI

MALGRATE – “Serata assolutamente inutile”. Non usa mezzi termini il consigliere comunale 5stelle Massimo Riva a proposito del vertice a porte chiuse di martedì sera organizzato da Silea per illustrare a sindaci e consiglieri il progetto di finanziamento del teleriscaldamento di Valmadrera.

Mentre fuori da palazzo Agudio gli attivisti del comitato “Spegniamo il Forno” protestavano con stiscioni, volantini e cori, all’interno del municipio Riva maturava profonda insoddisfazione. “Tanta ‘propaganda pubblicitaria’ – afferma il pentastellato -. Sono rimasti molto sul generico, cercando di convincerci a comprare una rete da 25 chilometri posata in profondità, sventrando strade, fiume e lago, con centrale a gas di backup, allacciata al forno inceneritore e forse un domani lontano ad una centrale a fonte rinnovabile di cui non è chiara ne la collocazione, ne quale sia la fonte effettiva”.

“Nessun approfondimento economico finanziario – chiosa Riva – . Nessun piano di investimento. Esposizione basata su vecchi studi di massima, peraltro superati. Unica certezza ci propongono un investimento che avrà il suo ritorno in almeno 30-35 anni, per allungare la vita al forno che di cui si potrebbe già spegnere una linea domani”.

 

 

 

 

 

Pubblicato in: Valmadrera, Ambiente, Malgrate, Città, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati