VALMADRERA: CINEMA ALL’APERTO
DALLA PARTE DEI RIFUGIATI

VALMADRERA – cinema all'apertoCirca centotrenta persone hanno assistito ieri sera al terzo appuntamento di “Film all’aperto” la rassegna gratuita organizzata dall’Assessorato alla Cultura di Valmadrera e Civate. In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, che verrà celebrata sabato 20 giugno, è stato proiettato il  documentarioIo sto con la sposa”,  scelto dal gruppo Scout e dal Centro Farmaceutico Missionario di Valmadrera. Un film che racconta la  storia vera di un gruppo di clandestini che, con l’aiuto di un italiano e un siriano, cercano di raggiungere la Svezia, travestiti da corteo nuziale. 

Il viaggio attraverso le frontiere dell’Europa e il drammatico racconto di quanto vissuto in patria, ha molto in comune con la storia di Stanley, un ragazzo nigeriano, presente alla serata.

cinema all'aperto

Il giovane, in Italia dal 2012, ha vissuto sulla propria pelle l’esperienza di rifugiato: in fuga dal suo paese, dopo aver lasciato la sua famiglia,  è stato derubato durante un viaggio nel deserto e costretto al lavoro forzato in Libia. A bordo di una delle tante imbarcazioni pericolanti che attraversano il Mediterraneo, è riuscito ad arrivare nel nostro paese. Senza documenti e soldi, Stanley è stato accolto dalla comunità valmadrerese dove, con grande forza e tenacia, è riuscito a costruirsi una nuova vita: una tragedia a “lieto fine”, che non deve far dimenticare chi non è altrettanto fortunato.

Il prossimo appuntamento con “Film all’aperto” sarà giovedì 25 giugno nel piazzale A. Longoni di Civate alle 21: in programma la commedia di Wes Anderson “Grand Hotel Budapest”.

Chiara Vassena

 

Pubblicato in: Cultura, Dal mondo, Eventi, Giovani, In vista, Valmadrera, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati