TRENI/PENDOLARI ALLO STREMO,
PARTE LA RACCOLTA FIRME
DA CONSEGNARE IN REGIONE

STAZIONE PENDOLARIMILANO – Il 22 novembre il Comitato trasporti lecchese parteciperà a Palazzo Pirelli al consueto Tavolo Territoriale di Quadrante del servizio ferroviario regionale dove i rappresentanti dei pendolari verranno informati delle novità riguardanti il prossimo cambio orario di dicembre 2017.

“Coglieremo come sempre l’occasione di evidenziare i continui disservizi – assicurano dal Comitato – a cui le società ferroviarie Trenord e Rfi hanno abituato i propri clienti, per la maggior parte pendolari che ogni giorno sono costretti ad utilizzare il mezzo di trasporto ferroviario per recarsi sul luogo di lavoro. Ritardi, soppressioni di corse, problemi ai passaggi livello, continui guasti ai sistemi di circolazione, in estate treni incandescenti lasciati sotto il sole senza aria condizionata. Un crescente aumento della domanda di trasporto non supportata da un altrettanto adeguato servizio. Per questo, avvicinandosi il termine della legislatura, vogliamo cogliere l’occasione per trasmettere un segnale forte di profondo malessere che ci accompagna ormai quotidianamente”.

A partire da domani il Comitato avvierà la seconda petizione da presentare sul tavolo di Trenord, Rfi e Regione Lombardia chiedendo a gran voce risposte e non i soliti slogan che si sentono ormai da diversi anni.

 

PETIZIONE 2017
TRATTE TIRANO-SONDRIO-LECCO-MILANO CENTRALE
TRATTE LECCO-MILANO PORTA GARIBALDI

OGGETTO: BASTA TRENI AFFOLLATI, IN RITARDO, SPORCHI!

Il Comitato trasporti lecchese come tanti altri comitati diffusi in tutte le Regioni italiane, ha organizzato la presente raccolta firme per chiedere ancora una volta a Regione Lombardia e a Ferrovie Nord etc., di impegnarsi una buona volta a fornire più treni, puntuali e puliti.
Già nel 2013 e durante i relativi incontri di quadrante a cui abbiamo partecipato, inascoltati, abbiamo continuato a segnalare il mancato risolversi dei problemi menzionati.
E’ questa una battaglia di civiltà che non può più essere ignorata dalle Istituzioni e da Ferrovie Nord, atteso che il bisogno di ridurre l’utilizzo del mezzo privato per noti motivi economici sta aumentando a dismisura ed è anche previsto negli obiettivi europei di .
Chiediamo per chi viaggia:
1) carrozze pulite e non sovraffollate ed una integrazione delle stesse;
2) puntualità. I treni arrivano da Lecco a Milano Centrale ed alla Stazione di Porta Garibaldi e viceversa perennemente in ritardo di minimo 10 min.;
3) Maggiore informazione delle motivazioni dei ritardi o soppressioni, spesso effettuati senza dare opportuna comunicazione della motivazione;
4) collegamenti e tariffe che migliorino gli spostamenti quotidiani riducendo il bisogno del mezzo privato. Intermodalità già auspicata anche negli obiettivi europei;
5) Il completamento del doppio binario da Lecco a Sondrio;
6) il riconoscimento degli indennizzi per ritardi, anche ai titolari di “Io Viaggio ovunque in Lombardia” per la sola linea dichiarata con relativa autocertificazione.

Chiediamo inoltre
Un incontro presso la Direzione Generale Trasporti per poter illustrare le varie problematiche segnalate nel corso degli anni ed un resoconto sugli eventuali progetti in atto per la risoluzione dei problemi su esposti, inerenti nello specifico agli investimenti necessari al miglioramento della linea ed alle stazioni di Monza e Milano Greco per ridurre i rallentamenti oggi in atto e il completamento del doppio binario da Lecco a Sondrio-Tirano. .
In mancanza, ricordiamo alla Regione Lombardia e a Ferrovie Nord che non sono isolate le sentenze dei Tribunali che oggi riconoscono ai pendolari un risarcimento per i danni causati dai disservizi del trasporto ferroviario.
Attendiamo un vs. cortese e celere riscontro in forma scritta. Nel frattempo porgiamo i nostri migliori saluti

Mary Fogli
Comitato Trasporti Lecchese

 

Pubblicato in: Città, Hinterland, Lago, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati