0

TRASFUSIONE DI SANGUE INFETTO: MORÌ DOPO IL PARTO, CONDANNATI OSPEDALE MANZONI E MINISTERO

ospedale-carabinieriMILANO – Morì nel 2011 a causa di una trasfusione di sangue infetto all’ospedale “Manzoni” di Lecco, pochi giorni dopo avere partorito: a distanza di sei anni il tribunale di Milano ha condannato l’Azienda ospedaliera e il Ministero della Salute per il decesso di Elena Maria Pozzi, madre 36enne di Oggiono.

I legali della famiglia (l’avvocato Rossana Sirtori per marito e figlie e la collega Silvana Scalise per i genitori) avevano presentato istanza di risarcimento per “negligenza e omissione di controllo” e la richiesta di risarcimento è stata discussa dalla Quinta sezione Civile del tribunale di Milano, presieduta dal giudice Martina Flamini. Il giudice ha accolto l’istanza e condannato l’ospedale Manzoni e il Ministero della Salute a un risarcimento di oltre un milione di euro per i familiari…

> LEGGI TUTTI I DETTAGLI SUL “GIORNO” EDIZIONE DI LECCO E COMO

 

Pubblicato in: Città, Nera, News, Sanità Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati