TERRORISMO/TUTTI CONDANNATI:
6 ANNI A MOUTAHARRIK, 5 A SALMA.
SOSPESA LA POTESTÀ GENITORIALE

ARRESTATI-JHAD-Moutaharrik-Abderrahim-Salma-BencharkiMILANO – Sei anni di carcere per Abderrahim Moutaharrik, cinque per la moglie Salma Bencharki. Queste le condanne, riportate da Il Giorno, inflitte pochi istanti fa nel processo con rito abbreviato dal Gup di Milano Alessandra Simion alla coppia di lecchesi di origine marocchina arrestati ad aprile per terrorismo internazionale.

Moutaharrik, kickboxer 28enne cresciuto a Valmadrera, viveva nel capoluogo con la moglie Salma, per anni residente in Valsassina. La Digos li ha fermati prima che partissero per unirsi all’esercito dell’Isis portando con sé i due figli piccoli, per questo il tribunale ha anche sospeso loro la potestà genitoriale.

Confermato l’impianto accusatorio dei Pm Enrico Pavone e Francesco Cajani e del dipartimento antiterrorismo della Procura milanese, sono stati condannati tutti gli imputati. 6 anni al varesino Abderrahmane Khachia arrestato insieme al lecchesi, 3 anni e 4 mesi a Wafa Koraichi, sorella di Mohamed Koraichi che con la moglie Alice Brignoli e i tre figli piccoli lasciò tempo fa Bulciago per arruolarsi nelle milizie del califfato. La Koraichi è l’unica ad aver ottenuto i domiciliari, gli altri tre resteranno in carcere.

> LEGGI TUTTO su IL GIORNO

 

 

 

Pubblicato in: Valmadrera, Città, Hinterland, Valsassina, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati