0

TEATRO/ODE ALLA MUSICA
CON LA BANDA OSIRIS:
DIVERTIMENTO PER OGNI ETÀ

bandaosiris2-4403-k9aE-U10701242755717EtB-1024x576@LaStampa.it_resizedLECCO – Ieri il divertimento, l’intelligenza e il coinvolgimento in musica e spettacolo hanno fatto tappa al Teatro della Società, per la Rassegna #MusicaInScena promossa dal Comune di Lecco, con il primo appuntamento (di tre): “Le Dolenti Note” della Banda Osiris.

Un pomeriggio intelligente, bello, per ogni età. In teatro adulti e adolescenti assieme ridevano all’unisono a scena aperta per le gag, le trovate, “le note e le ignote”, la musica storpiata, strapazzata, mascherata, reinventata, tra fiati, batteria, tastiere e un esilarante basso tuba con, a un certo punto, un tutù di danza classica che si anima graziosamente su un lago che non puoi non vedere, di cigni e plissé.

Un’ode alla musica – e ai musicisti - in un’ora di spettacolo senza sosta, senza pause. Dove i giovani, di ogni età, nessuno escluso, battevano il ritmo con le mani, rispondevano ai quiz che la Banda Osiris dal palco ogni tanto rivolgeva al pubblico.

Per chiudere tra altri applausi, tutti concordando – sui legni del palcoscenico, sulle poltrone di velluto rosso della platea e gli stucchi crema dei palchi – che il flauto dolce che ci hanno obbligato a (provare ad) imparare a suonare a scuola ha rovinato una generazione intera. Di studenti e di genitori. Non solo alla recita scolastica di natale.

Se si insegnasse la musica, come è successo oggi al Teatro della Società, avremmo più musicisti, “meno gente difficile e più gente di cuor”.

Le belle giornate, i validi e coinvolgenti spettacoli, per tutte le età, non c’è bisogno di andare a cercarli e vederli a Milano, a volte. A volte basta voler uscire di casa e godersi lo spettacolo. Soprattutto come questa volta. Spettacolo, gag, divertimento, cultura e bella musica.

Il prossimo appuntamento con #musicainscena sarà domenica 26 marzo alle 21, con Tosca in uno spettacolo raffinato con le musiche dal mondo. Un’ulteriore occasione di bellezza.

Paolo Trezzi

 

 

 

 

Pubblicato in: Città, Cultura, News, Teatro Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati