STORIA/GIOVENTÚ DI PIOMBO:
IL LIBRO DI OMAR COLOMBO
PRESENTATO A LECCO E CALOLZIO

COPERTINA ufficiale - Gioventù di piomboLECCO – Doppio appuntamento con la presentazione di “Gioventù di piombo“, scritto da Omar Colombo, classe 1990 e originario di Monte Marenzo. L’autore presenterà l’opera nel territorio lecchese in due distinti appuntamenti: giovedì 2 luglio, alle ore 20.30 presso la libreria “Il viaggiatore leggero” di Calolziocorte e venerdì 3 luglio, alle ore 18.30, presso il Circolo Fratelli Figini di Lecco-Maggianico. Entrambi gli eventi sono stati organizzati con la collaborazione dell’associazione culturale “UPer” di Monte Marenzo e dell’“Associazione di Storia Contemporanea” di Senigallia, di cui l’autore è membro del Consiglio direttivo.

Colombo ha vissuto nel lecchese fino all’età di tredici anni, quando si trasferì nelle Marche con i suoi genitori. Laureatosi in Storia all’Università degli Studi di Firenze, egli ha poi conseguito il titolo di laurea magistrale in Ricerca storica e risorse della memoria all’Università degli Studi di Macerata. Redattore di una rivista di storia contemporanea, Colombo ha pubblicato saggi di storia politica. Gioventù di piombo è la sua prima monografia. E il suo libro racconta le stragi, i rapimenti e gli omicidi degli anni di piombo che hanno segnato in maniera indelebile la storia della nostra Repubblica. Tra i tanti giovani che, negli anni Settanta, hanno deciso di imbracciare le armi per sovvertire il “sistema”, molti sono stati coloro che si sono uniti alla formazione armata delle Brigate Rosse.La stampa li definì «terroristi», «assassini», «carnefici», ma chi erano realmente i brigatisti? Quale immagine di sé volevano trasmettere all’esterno? Quali nemici credevano di dover combattere? Sono questi gli interrogativi ai quali il giovane studioso Omar Colombo ha cercato di dare risposta nel suo libro, Gioventù di piombo, edito da Aras ed esposto in anteprima assoluta all’ultimo Salone Internazionale del Libro di Torino, dove ha incontrato il favore del pubblico.

 

 

 

 

 

Pubblicato in: Cultura, Calolziocorte, Città, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati