SPACCIO LUNGO L’ADDA,
CONDANNATO IL MAROCCHINO
CHE EVITÒ L’ARRESTO

operazione aironeLECCO – Fuggito in Marocco per assistere il padre, si è costituito a dicembre e ieri il tribunale di Lecco gli ha inflitto la pena di tre anni e otto mesi. Si tratta di J.Z., 32enne arrestato dalla polizia di Lecco nell’operazione “Airone” del marzo 2016 che aveva portato in carcere dodici persone.

L’accusa per tutti è spaccio. Organizzati in quattro gruppi operavano in diversi comuni della provincia – Malgrate, Valmadrera, Airuno, Olgiate Molgora, Brivio, Calolziocorte – fino a Villa D’Adda, Carvico, Cisano Bergamasco e Calusco, per un giro di affari che arrivava ai 5mila euro al giorno.

 

LEGGI ANCHE

PATTEGGIANO QUATTRO ANNI
I MAROCCHINI CHE SPACCIAVANO
COCAINA IN RIVA ALL’ADDA

12/05/2016
LECCO – Quattro anni di carcare è la pena che il marocchino di 26 anni Chmanti Faissal ha patteggiato davanti al Gup di Lecco, stessa condanna per Harmak …
.
operazione airone

COCAINA SULLA RIVA DELL’ADDA:
IN MANETTE QUATTRO GRUPPI
DI SPACCIATORI MAROCCHINI

23/03/2016
LECCO – Gli spacciatori marocchini erano soliti nascondersi sino a tarda notte all’interno di zone boschive e paludose lungo l’Adda, …
.
.
Pubblicato in: Civate, Valmadrera, Calolziocorte, Malgrate, Città, Hinterland, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati