0

“SODDISFATTI DEL LAVORO SVOLTO
CONTINUIAMO CON MARONI”.
NASCE ENERGIE PER LA LOMBARDIA

energie per la lombardia - cavalli nava parisi piazza moscaMILANO – Varato questa mattina, presente il leader nazionale Stefano Parisi, il gruppo consigliare Energie PER la Lombardia che all’interno del Consiglio regionale vedrà riuniti i consiglieri Mauro Piazza, Alberto Cavalli e Sabrina Mosca con il supporto del sottosegretario regionale Daniele Nava che è anche coordinatore lombardo di Energie per l’Italia.

“Oggi diamo vita a Energie PER la Lombardia in Consiglio regionale: Stefano Parisi ha voluto essere presente per tenere a battesimo la nascita di questo gruppo consigliare composto da Alberto Cavalli, Mauro Piazza e Sabrina Mosca. È l’esito di un progetto che viene da lontano, da oltre un anno e mezzo di lavoro, un lavoro intenso di aggregazione di un’ampia rete di amministratori locali, militanti, cittadini, sindaci e assessori che hanno deciso di avvicinarsi a questa proposta. Uno degli obiettivi è un centrodestra sempre più includente: questo gruppo si propone di lavorare soprattutto in questa direzione”, ha spiegato Daniele Nava.

Alberto Cavalli ha chiarito il posizionamento del gruppo: “Continuiamo a essere parte della maggioranza e a sostenere Maroni. Siamo pronti a condividere il bilancio come passaggio essenziale della legislatura. Questa è la nostra collocazione, siamo soddisfatti del lavoro compiuto in questi anni. C’è anche da perseguire il tema dell’autonomia. Maroni deve continuare il lavoro avviato, ma deve avere un consenso elettorale ancora più ampio. C’è un elettorato a cui parlare. “Stefano Parisi sta rimettendo contenuti nella politica. La politica non è solo luogo delle urla e delle grida, ma deve tornare a essere il luogo dove si pensa”, ha aggiunto Piazza.

Da parte sua Parisi ha spiegato lo spirito con cui lavorerà il gruppo in questa fine legislatura e nella prospettiva delle elezioni: “Siamo il nuovo soggetto politico nello scenario del centrodestra, siamo il valore aggiunto, attraiamo molte persone che hanno fatto politica. C’è un’attrazione rispetto al nuovo e un’attrazione al rischio. Questa battaglia è difficile ma può cambiare il volto della politica. Come vogliamo Regione Lombardia fra cinque anni? Come vogliamo evolva il sistema sanitario? Come il sistema dei trasporti può migliorare? Come possiamo implementare un federalismo vero e forte? Quale modello siamo? Noi siamo la componente che deve rimettere al centro le comunità e le persone, inserendosi in una tradizione del centro-destra in Lombardia che non nasce ieri e che ha fatto cose ottime per oltre vent’anni”.

 

Pubblicato in: News, politica Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati