SCHERZI SESSUALI E NONNISMO?
LA SENTENZA LECCHESE DIPINGE
UN BOB AZZURRO “INQUIETANTE”

LECCO – Una giovane atleta 18enne vittima di sportivi più grandi e arruolati nei corpi militari; fu per sostenerla che Ivan Ivernizzi denunciò pubblicamente l’ambiente subendo una causa per diffamazione dal loro ex commissario tecnico.

Già detto dell’assoluzione per Ivan Invernizzi, 29enne valsassinese ex atleta azzurro del bob, a giudizio per diffamazione a mezzo stampa dopo che su un portale di settore commentò dando giudizi sull’ambiente della nazionale di specialità, ora possiamo leggere nella loro interezza le motivazioni della sentenza attraverso la quale il giudice Nora Lisa Passoni del tribunale di Lecco definì il comportamento dello sportivo pienamente legittimo in quanto esercizio del diritto di critica garantito dalla Costituzione.

> CONTINUA A LEGGERE su

 

 

Pubblicato in: Città, Valsassina, Sport, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati