RUBRICA LECCO IERI&OGGI:
LA FONTANA DELLE TRE BOCCHE
E LA CHIESETTA DI CASTIONE

CHIESA DI CASTIONE - RANCIOLECCO – La venticinquesima puntata della rubrica Lecco Ieri & Oggi è dedicata ad un punto particolare della nostra città, magari poco noto, ma molto interessante: la chiesa di San Carlo, a Rancio in località Castione.

Questo piccolo angolo, rimasto invariato nell’ultimo secolo, ci permette di ammirare due tra i meglio conservati esempi di barocco lecchese: la chiesetta stessa, sorta inizialmente per volere di San Carlo Borromeo, che come si può notare non ha subito né modifiche né cambiamenti, e l’antistante Fontana delle Tre Bocche (chiamata in questo modo per via dei tre boccagli che erogano acqua potabile), presente in entrambe le cartoline e visibile ancora oggi.

Nella restaurazione voluta dal Borromeo, il soffitto in legno in vista e gli arconi trasversali cedettero il posto alle coperture a volta, le facciate furono sostituite da alcune più ampie e preziose ed è durante il Settecento che alla chiesa è stato aggiunto il caratteristico portico.
Per quanto riguarda l’interno, degna di nota è una pala che sostituì la precedente aggiungendo un San Carlo alla figura del Santo Patrono.

Chiesa di San Carlo, a Rancio, in Località Castione, 1913

Chiesa di San Carlo, a Rancio, in Località Castione, 1913

Chiesa di San Carlo, a Rancio, in Località Castione, 1915

Chiesa di San Carlo, a Rancio, in Località Castione, 1915

Chiesa di San Carlo, a Rancio, in Località Castione, 2014

Chiesa di San Carlo, a Rancio, in Località Castione, 2014

 A.G.

Cartoline d’epoca tratte da Gigi Amigoni, Antichi Borghi di Lecco nelle cartoline di inizio secolo, Calolziocorte, Amigoni G., 1996; foto di Lecconews.lc

 

Pubblicato in: Cultura, Lecco ieri&oggi, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati