0

RICHIEDENTI ASILO A LINEELECCO:
UNO STAGE PROFESSIONALE,
CRESCITA INDIVIDUALE E COMUNE

linee lecco migrantiLECCO – Conclusosi con successo il progetto pilota, promosso dall’associazione “Lezioni al campo”, di stage a Linee Lecco per richiedenti asilo. Un’esperienza importante e arricchente per sei ragazzi che hanno appreso nuove competenze professionali e fatto prova di quelle pregresse, un’esperienza di grande interazione tra il soggetto coinvolto e il territorio. Il racconto di Marta Casalone, volontaria dell’associazione:

“Lezioni al campo” da due anni si cimenta nell’insegnamento della lingua italiana ai richiedenti asilo. Attraverso la nostra scuola vogliamo creare abilità e sviluppare nei nostri studenti competenze linguistiche, civiche e sociali, affinché possano vivere il più possibile integrati sul nostro territorio, in linea con la richieste dell’attuale pedagogia scolastica e le esigenze attuali. 

A distanza di un anno dall’inizio della nostra attività, nell’estate 2016, abbiamo scelto di ampliare il raggio di azione della nostra scuola e dare il via a un progetto pilota, nato in collaborazione con Linee Lecco. Abbiamo ritenuto importante sviluppare negli studenti anche un altro genere di competenze, perché attraverso esperienze professionalizzanti si colmi il gap culturale e professionale esistente tra contesto di origine e contesto attuale. 

Inoltre, attraverso l’interazione all’interno dell’azienda, si viene a creare una modalità di rapportarsi nuova, inesistente fino all’inizio della formazione, tra il contesto aziendale e il richiedente asilo, in cui i soggetti in gioco mettono in campo per la prima volta esperienze e competenze, nuove e pregresse, come risorsa reciproca d’interazione tra individuo e territorio. Il conoscersi reciproco deve essere alla base di una nuova formazione sociale. Il conoscersi, il mettere in gioco la propria conoscenza, pone il singolo oltre il pregiudizio, il sentito dire e lo colloca in una dimensione oggettiva

Il progetto ha coinvolto, oltre a “Lezioni al campo”, l’azienda municipalizzata “Linee Lecco” e “Fondazione progetto ARCA onlus. 6 sono stati i ragazzi inseriti in questa prima fase del progetto, per 4 ore al giorno, 5 giorni a settimana per un periodo di 2 mesi e mezzo. I ragazzi si sono sperimentati in due principali ambiti professionali: quello di pulizia e sistemazione dell’automezzo e quello di manutenzione dell’automezzo (nelle sue parti meccaniche, elettriche…).

Due tutor, uno presente in azienda e uno di “Lezioni al campo”, hanno seguito il percorso dei ragazzi con lo scopo di creare un contesto di interazione in positiva evoluzione, per sviluppare soggetti fruitori modalità e competenze, adeguate al mondo del lavoro e perché attraverso questa esperienza professionalizzante si migliori la percezione di sè, l’autostima, l’autoefficacia che determinano comportamenti e aspettative individuali e di riflesso collettivi. 

I ragazzi, inseriti in questo percorso di formazione, sono stato riconosciuti con benefit aziendali, tessera autobus e buoni pasto. È stata redatta anche una valutazione, step intermedio tra l’azienda e il ragazzo, che verrà fornita attraverso un documento di lettura sia delle competenze raggiunte sia del metodo di lavoro che deve mostrarsi in linea con le regole aziendali. L’impegno di questi ragazzi è stato notevole e il desiderio di imparare, di essere utile si è toccato con mano. Abbiamo avuto a che fare con giovani che, come qualsiasi giovane, desiderano creare e trovare opportunità positive per la loro vita e quindi l’attività, lo studio, la formazione sono alla base di una seria strutturazione di un percorso di vita, professionale e sociale.

 

 

 

 

 

Pubblicato in: Associazioni, Città, Immigrazione, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati