RETROMARCIA SULLA BIBLIOTECA,
LE MINORANZE ATTACCANO:
“CI SEMBRAVA UNA FAKE NEWS”

LECCO – La querelle della Biblioteca Civica di Lecco approda nell’assemblea di Palazzo Bovara. È il consigliere Cinzia Bettega, in rappresentanza della Lega Nord, a ricordare per prima “il torto fatto al Consiglio, con una dichiarazione durante l’ultimo consiglio del 23 luglio e la seguente revoca del 25 luglio”. Al centro del dibattito torna quindi l’assegnazione – di cui è stata annunciata la revocata salvo poi cambiare idea – della gestione del Sistema Bibliotecario e della Biblioteca Civica alla cooperativa L’Indice.

Qualche giorno fa, è apparsa una nota stampa in cui l’assessore Simona Piazza esplicitava le dinamiche della vicenda occorsa con la cooperativa di Robbiate. Ma il consigliere Alberto Anghileri per Con la sinistra cambia Lecco commenta così: “Quando ho visto la nota stampa, pensavo fosse una fake news. Facendo l’amministratore è normale fare degli errori. L’importante però è riconoscere l’errore e ripartire, non rincarare la dose. Non si possono scrivere cose false”.

L’assessore Simona Piazza chiarisce però la situazione: “Il 23 luglio ho dato comunicazione che era stata inviata una nota alla cooperativa, riguardo alla retribuzione dei dipendenti. Quindi il direttore della cooperativa avrebbe proceduto alla procedura di revoca. Ma la cooperativa poi ha voluto riconoscere al personale un livello retributivo più alto”. Pertanto il personale della Cooperativa risulta ad oggi impiegato per il Sistema Bibliotecario e la Biblioteca Civica.

E precisa questo: “Dal punto di vista politico l’Amministrazione non è soddisfatta dall’esito complessivo della vicenda. Il risultato è in parte soddisfacente perché risponde agli indirizzi politici stabiliti”. L’obiettivo infatti era quello di ottenere, rispetto al precedente bando, una durata contrattuale superiore e un trattamento salariale più adeguato per il personale impiegato. “Si può ancora migliorare ma sicuramente c’è stato un avanzamento rispetto al passato”, chiude la Piazza.

I.N.

 

Pubblicato in: Cultura, politica, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati