CINGHIALI/RESEGONE ASSEDIATO,
IERI UN’ALTRA DEVASTAZIONE.
IL RACCONTO DELL’ALLEVATORE

cinghialiLECCO – “È sempre la stessa storia che si ripete ogni notte nei nostri campi”. A raccogliere il grido d’allarme dell’imprenditore agricolo di Lecco, Giovanni Battista Spandri, è la Coldiretti interprovinciale. Il problema sono le devastazioni perpetuate dai cinghiali — prosegue l’associazione dei contadini lariani — che si protraggono da 4, 5 anni a questa parte nelle campagne nate sotto il monte Resegone. Ieri notte l’ultimo attacco di una lunga serie che sta mettendo a rischio le produzioni agricole del territorio, per via delle incontrollate scorrerie degli ungulati.

“Noi produciamo latte vaccino, col quale fare formaggi tipici — racconta l’imprenditore 77enne Spandri — il campo della grandezza di 3 ettari che hanno completamente distrutto era stato seminato poche settimane fa, per produrre il fieno col quale alimentiamo le nostre mucche”. Il dramma che vivono gli agricoltori di Lecco è dovuto all’insistenza dei cinghiali a protrarre le loro incursioni sui terreni lavorati: i contadini si trovano così a sistemare ciò che viene distrutto ciclicamente da questi animali selvatici. “Io, così come altri colleghi del territorio — racconta Spandri — ci troviamo nella condizione di rimettere in sesto i prati ogni 3, 4 giorni, non riuscendo così più a svolgere i compiti quotidiani nelle nostre aziende”.

sommafiume incursioni cinghiali  (5)Quello dei cinghiali è un problema voluto e provocato dallo scorretto intervento dell’uomo, in quanto questi animali non sono autoctoni dei nostri territori e i danni colpiscono le imprese, i boschi, ma anche la società civile. Non mancano infatti casi di attacchi alle persone o incidenti stradali causati dagli ungulati. “Faccio l’allevatore da sempre — ricorda Spandri — ma non ho mai visto una situazione del genere. Ricordo i campi coltivati da mio padre e prima ancora da mio nonno, quando non dovevano ‘combattere’ giornalmente contro questi animali, ed erano rigogliosi. Oggi non lo sono più e noi, sinceramente, ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni”.

Il contadino — prosegue Coldiretti —, grazie al suo lavoro, svolge un presidio fondamentale nella cura e nella custodia del territorio. Ed è per questo che la tutela di tale lavoro è da considerarsi strategica non solo dal punto di vista economico ma anche per l’intera comunità. “La storia della provincia di Lecco — interviene il leader degli agricoltori lariani, Fortunato Trezzi — si distingue da quella delle altre province lombarde per non aver mai praticamente avviato la caccia al cinghiale, ma i risultati sui danni, purtroppo non cambiano. Ed è per questo che Coldiretti auspica ulteriori e tempestivi provvedimenti, capaci di porre rimedio alle continue devastazioni che gli ungulati causano all’intero comparto agricolo e non solo”.

 

Pubblicato in: Ambiente, Città, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati