PER UNA FRASE SU FACEBOOK
IL DIRETTORE DI SILEA
ACCUSATO DI DIFFAMAZIONE

Marco PeverelliLECCO – A mettere nei guai Marco Peverelli, dirigente della partecipata lecchese dei rifiuti, un commento sui social rivolto a un attivista dei comitati contro il forno di Valmadrera.

Era il febbraio 2017, quando dopo un’assemblea pubblica con gli oppositori al progetto di teleriscaldamento di Silea, in particolare il gruppo Spegniamo il forno, il direttore aveva reagito postando su Facebook delle dichiarazioni. In particolare: “Scusi ma lei ha fatto colazione con me? Giovane pivello arrogante“.

La frase era rivolta a Lorenzo Ammannato, valmadrerese del gruppo che si opponeva al forno inceneritore e dalla denuncia è scattata l’indagine, condotta dal pm Paolo Del Grosso, che ha portato al rinvio a giudizio di Marco Peverelli. Motivazione: accedendo con il proprio profilo utente al network Facebook, nel corso di una discussione sul tema dell’inceneritore offendeva la reputazione di Lorenzo Ammannato. Inoltre – secondo la Procura di Lecco – c’è l’aggravante di aver commesso il reato con un importante mezzo di comunicazione. Il processo riprenderà ad ottobre.

 

Pubblicato in: Valmadrera, Ambiente, Città, Hinterland, Nera, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati