MIGRANTI SOCIALMENTE UTILI,
APPELLO: “IL RICATTO LEGHISTA
È DEMENZIALE E DISUMANO”

C’è da chiedersi questa Lega dove vuole arrivare? Ormai è al delirio di onnipotenza insieme al suo leader.

In principio si dovevano penalizzare i proprietari degli immobili che mettevano a disposizione le loro strutture per ospitare, in emergenza, i migranti, poi si trattava di penalizzare i Comuni che li accoglievano, ora, siamo alla follia, si concederanno premialità nei bandi solo agli enti locali che non faranno ricorso ai richiedenti asilo in attività di pulizia e manutenzione dei parchi.

Attraverso un protocollo con la Prefettura e la collaborazione dell’associazione Lezioni al Campo e delle cooperative che gestiscono i campi di accoglienza il Comune di Lecco è riuscito a attivare a costo zero per i contribuenti oltre 170 immigrati ospiti nelle strutture del territorio per sistemare gli spalti dello Stadio “Rigamonti Ceppi”, far manutenzione e pulizia ordinaria dei parchi di Villa Gomes, Belvedere, Belgioioso e lungolago.

Ora questo ricatto di non favorire i Comuni che utilizzano i migranti per i finanziamenti oltre che essere odioso è anche politicamente scorretto.

Lasciare rinchiusi in centri di accoglienza gli immigrati senza proporgli qualcosa che li possa impiegare utilmente per la comunità che li ospita oltre che essere demenziale è anche disumano.

Spesso sono gli stessi che sui Social invitano, in maniera irriguardosa e ironica, a farli lavorare che adesso si trovano in sintonia con il provvedimento votato in Consiglio Regionale dalla Lega Lombarda.

Ormai siamo alla farsa, Appello per Lecco chiede a tutti i comuni di non farsi intimorire da questi inutili e strumentali provvedimenti e continuare sui progetti in essere di inclusione sociale dei migranti che hanno partecipato ai corsi sulla sicurezza e che hanno titolo per contribuire allo sviluppo e al decoro urbano delle comunità ospitanti.

Appello per Lecco

 

Pubblicato in: politica, Immigrazione, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati