LOTTA ALL’AMIANTO A LECCO
FRA PROIEZIONI NELLE SCUOLE
ED INCONTRI CON IL PUBBLICO

LECCO – La lotta all’amianto sale in cattedra: gli alunni del Badoni di Lecco hanno avuto la possibilità di incontrare il “Gruppo Aiuto Mesotelioma”, l’associazione lecchese che raccoglie i famigliari delle vittime dell’amianto. Sessanta studenti dalla terza alla quinta hanno assistito alla proiezione del film “Un posto sicuro” di Francesco Ghiaccio e Marco D’Amore, che racconta la triste vicenda di Casale Monferrato, la cittadina nota per essere stata la sede dell’azienda Eternit e divenuta uno dei centri con il maggior numero di morti per l’esposizione all’amianto in Italia.

“Si tratta di un film particolarmente duro e intenso – commenta Cinzia Manzoni, presidente del Gam – che mostra il dolore di un ragazzo e di un’intera città di fronte alle morti causate dalla fibra. Gli studenti hanno dimostrato una grande attenzione: al termine della proiezione è scoppiato un lungo applauso e ci hanno rivolto moltissime domande. Hanno voluto capire, non sono rimasti indifferenti e questo è per noi un grande risultato”.

Martedì 13 novembre (ore 20:30) il film verrà proiettato allo Spazio Teatro Invito, primo di un ciclo di tre appuntamenti che il Gruppo Aiuto Mesotelioma ha organizzato in collaborazione con Legambiente Lecco e l’amministrazione comunale e che porterà in città i maggiori esperti nazionali in tema di lotta all’amianto e bonifica dell’eternit.

Si continuerà giovedì 15 novembre alle 15 con il seminario “Gestione rischio amianto” riservato a ingegneri, architetti, geometri e sindaci, nella sala conferenze dell’Unione Industriali Lecco (via Caprera 4). La conclusione sabato 17 dalle 14:30 nella sala Don Ticozzi di via Ongania 4 Lecco, con un incontro aperto a tutta la cittadinanza dal titolo “Liberi di respirare: insieme contro l’amianto”.

 

 

Pubblicato in: Ambiente, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati