LICEO LEOPARDI SCELTO DAL MIUR
PER IL CONVEGNO NAZIONALE
SULL’ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

171115_liceo_leopardiLECCO –  “Alternanza scuola-lavoro nei Licei. Missione possibile”: questo il titolo del convegno nazionale di mercoledì a Roma nella sala della comunicazione del MIUR che ha visto protagonista il liceo classico e scientifico “G. Leopardi” di Lecco, unica scuola paritaria scelta insieme ad altri 12 licei statali in tutta Italia per illustrare al Miur – alla presenza del sottosegretario Gabriele Toccafondi e della capo dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Rosa De Pasquale – il modello di alternanza scuola lavoro attivo nel Liceo lecchese. Un convegno che – con circolare ministeriale – tutti i presidi del Paese sono stati invitati a seguire in diretta streaming, per condividere i racconti degli studenti insieme alle imprese coinvolte.

Per il Leopardi sono intervenuti con grande entusiasmo gli studenti Niccolò Amigoni (IV scientifico) e Irene Riva (V classico) insieme al professore Tommaso Lanosa, docente di riferimento per l’alternanza, e all’imprenditrice lecchese Mariangela Tentori responsabile di Teka Edizioni. “Il progetto in atto al Leopardi- spiega il professor Lanosa – parte dal concetto che l’alternanza possa aiutare a restituire alle discipline scolastiche il loro statuto: mezzo, e non fine, della conoscenza”.

171115_liceo_leopardi_1

“Il Leopardi ha optato per una formula particolare – sottolinea il preside Giuseppe Meroni – abbiamo scelto di coinvolgere tutti gli alunni dell’istituto e non solo quelli del triennio. Dopo aver individuato 13 partner esterni, grazie anche alla collaborazione delle associazioni di categoria, i diversi dipartimenti disciplinari hanno suddiviso gli studenti della scuola in gruppi trasversali per età e assegnato un gruppo a un’azienda con la quale collaborare. Tali gruppi sono concepiti come delle piccole “società di servizi” che, attraverso visite aziendali e incontri con gli imprenditori, entrano in relazione con il mondo produttivo”. Tale sinergia è sottolineata già nel titolo dato a questo modello di alternanza: “Costruiamo il villaggio”, che si ispira a sua volta alle parole di papa Francesco “per crescere un figlio ci vuole un villaggio”.

Due i progetti presentati dal Leopardi a titolo di esempio: il primo in collaborazione con Teka edizioni ha visto la creazione di una guida turistica di Lecco pensata per i giovani per la quale gli studenti hanno individuato le tappe, scritto i testi e realizzato le foto, che è poi stata distribuita gratuitamente a tutti gli studenti delle scuole superiori di Lecco grazie al coinvolgimento del Comune, in particolare degli assessorati della cultura e politiche giovanili e del turismo. Il secondo progetto ha visto gli studenti ideatori di una strategia di marketing per l’utilizzo della piattaforma WhatsApp Web per facilitare lo scambio di informazioni e ridurre i tempi di interazione tra operatori e clienti, studiata in collaborazione con l’azienda Galli Ezio Spa, leader nel settore delle elettroforniture.

 

Pubblicato in: Giovani, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati