0

LECCO IERI & OGGI N°142:
PONTE VECCHIO E TABERNACOLO

LA SPONDA LECCHESE VISTA DAL PONTE AZZONE VISCONTILECCO – Ancora una volta tra gli scorci più interessanti della nostra città ci sono sicuramente le vedute dal “ponte vecchio” e per il 142esimo episodio della nostra rubrica Lecco Ieri & Oggi vediamo lo scorcio ruotato di 180° rispetto a quello proposto nell’episodio 20.

La cartolina, datata 1905, ritrae il ponte con il parapetto in pietra, uno degli ultimi retaggi della sua antica funzione di presidio militare; sarà sostituito qualche anno dopo con il parapetto che molti lecchesi ricorderanno come quello che ha accompagnato la vita del ponte per tutto il Novecento. Il parapetto attuale, sempre in ferro e provvisorio, è stato invece eretto recentemente, a seguito dei lavori di rimozione delle passerelle metalliche che facevano da marciapiede al ponte perché pericolose.

Un’altra cosa storica che si può vedere in tutte le immagini, i dipinti e le stampe d’epoca, è il tabernacolo ben visibile nella nostra cartolina sul lato destro del ponte: oggi questo tabernacolo non è più lungo il ponte, ma è stato spostato sulla riva lecchese.

Infine un’ultima nota interessante è notare che nel 1905 non erano ancora presenti edifici sul lato lecchese del fiume se non alcune piccole case circondate da campi e sullo sfondo si intravedono i capannoni caratteristici della cosiddetta “area Aldè” che per decenni ha fatto da biglietto da visita a chi entrava in città dai due ponti esistenti e che oggi sono stati sostituiti dai fabbricati che tutti conosciamo sull’area tra i due ponti e sulla riva fino all’isola Viscontea.

Andrea Granata

La sponda lecchese vista dal ponte Azzone Visconti, Lecco, 1905

La sponda lecchese vista dal ponte Azzone Visconti, Lecco, 1905

La sponda lecchese vista dal ponte Azzone Visconti, Lecco, 1905

La sponda lecchese vista dal ponte Azzone Visconti, Lecco, 1905

 

Cartoline d’epoca tratte da Gigi Amigoni, Lecco 1900: un saluto in cartolina, Calolziocorte, Amigoni G.; foto di Lecconews.lc

 

 

Pubblicato in: Città, Cultura, Lecco ieri&oggi, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati