LAGO DI COMO IN SECCA,
LEGAMBIENTE DENUNCIA
“LA SETE ESTIVA DEL MAIS”

LARIO – “È ormai chiaro che è stato superato il limite delle disponibilità idriche. È necessario cambiare agricoltura: introdurre rotazioni e avvicendamenti del mais con colture che esigono meno acqua, usare sistemi di irrigazione più efficienti, ridurre il carico zootecnico. Il cambiamento climatico non è un’opinione, ma una realtà con cui anche la forte agricoltura specializzata lombarda deve fare i conti”. Interviene così Legambiente Lombardia in merito all’allarme siccità che coinvolge alcuni bacini lacustri della regione.

L’estate 2018 vede infatti un lago di Como svuotato per far fronte ai fabbisogni irrigui della Pianura Padana. Il paesaggio delle sponde lacustri non è diverso da quello delle annate peggiori, eppure…

> CONTINUA A LEGGERE su

 

 

 

Pubblicato in: Ambiente, Città, Hinterland, Lago, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati