LA GUIDA AL VOTO DEL 4 MARZO
PER CAMERA, SENATO E REGIONE

urna elezioni voto genericoLECCO – Il 4 marzo 2018, dalle 7 alle 23, si svolgono le elezioni politiche. Gli elettori italiani saranno chiamati alle urne per eleggere i nuovi deputati e senatori del Parlamento. Il voto è sancito dall’articolo 48 della Costituzione; esso è personale, eguale, libero e segreto.  Il suo esercizio è un diritto e un dovere civico.

Nello stesso giorno, si vota per le Regionali in Lombardia e Lazio, sempre dalle 7 alle 23.

 

ELEZIONI POLITICHE DI CAMERA E SENATO

Complessivamente i cittadini italiani aventi diritto al voto sono 51,2 milioni (dato aggiornato al 30 giugno 2017), di cui circa 24,8 mln maschi e 26,4 mln femmine. Sul totale degli aventi diritto al voto, 4,2 mln sono gli elettori stimati, residenti all’estero. I giovani alla prima espressione di voto sono stimati oltre 500 mila.

schede_elettorali_2018Due le  schede consegnate ai cittadini che si recheranno alle urne per le elezioni politiche: una di colore giallo per il Senato della Repubblica (per gli elettori che hanno compiuto 25 anni), l’altra di colore rosa per la Camera dei Deputati per i cittadini con 18 anni.

Si voterà per la prima volta con una nuova ed articolata legge elettorale, il cosiddetto Rosatellum (dal nome del suo relatore di maggioranza). Alta novità sono i collegi elettorali, ridisegnati col decreto n°189 del 12 dicembre 2017. La nuova legge elettorale si basa su un sistema misto: per un terzo maggioritario, per due terzi proporzionale. Le schede elettorali riflettono questo sistema.

Le schede infatti  contengono  il nome del candidato nel collegio uninominale  nel rettangolo posto in alto. Nella stessa scheda, nella parte sottostante – dedicata ai colleghi plurinominali – sono riportati il contrassegno di ciascuna lista o coalizione di liste collegate al candidato del collegio uninominale. Nei collegi plurinominali, accanto ai  simboli sono riportati i nominativi dei candidati contenuti in rettangoli contigui.

.

ELEZIONI REGIONALI LOMBARDIA

Il Consiglio regionale e il Presidente della Regione sono eletti con voto attribuito a liste provinciali ed a coalizioni regionali formate da uno o più gruppi di liste provinciali, ognuna collegata con un candidato alla carica di Presidente della Regione. Il Consiglio regionale è composto da ottanta consiglieri (il territorio della Provincia di Lecco ne elegge 3), compreso il Presidente della Regione.

elezioni regionaliSi vota con una scheda di colore verde.
L’elettore può decidere di votare alternativamente nei seguenti modi:
– votare un candidato alla carica di Presidente della Regione;
– votare per un candidato alla carica di Presidente della Regione e per una delle liste circoscrizionali ad esso collegate;
– votare disgiuntamente per un candidato alla carica di Presidente della Regione e per una delle liste circoscrizionali ad esso non collegate (il cosiddetto voto disgiunto);
– votare per una lista circoscrizionale senza alcun voto al candidato Presidente della Regione collegato: in questo caso si intende validamente espresso anche a favore del candidato Presidente collegato. >>> QUI IL VIDEO TUTORIAL

Alternanza di genere
L’elettore può esprimere fino a due voti di preferenza. Nel caso di espressione di due preferenze, esse devono riguardare candidati di sesso diverso della medesima lista. In caso contrario la seconda preferenza è annullata.

Red.Pol.

 

 

Pubblicato in: Eventi, politica, Civate, Valmadrera, Calolziocorte, Oggiono, Galbiate, Olginate, Vercurago, Malgrate, Garlate, Pescate, Annone, Città, Hinterland, Ballabio, Valsassina, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati