0

LA FINESTRA/”COME ERAVAMO”,
GIGI RIVA E IL CAGLIARI DEL ’70
E L’EUROPA DEI DIRITTI SOCIALI

Come ogni domenica, anche oggi dedichiamo uno spazio all’interno del nostro giornale alla cultura, segnalando ai lettori gli articoli più interessanti della nostra pagina culturale, Il fascino degli intellettuali.

 Come eravamo (quando ci amavamo)

come-eravamo-5-820x608

Una foto tra le mani e il tempo sembra riavvolgersi, porta indietro immagini, sensazioni ed emozioni che pensavamo sepolte e invece sono lì, tra le pieghe agli angoli sbiaditi e il segno di un’impronta digitale sul margine destro. I capelli in un certo modo, l’abbigliamento che andava di moda, i sorrisi e gli sguardi che si hanno avuti un tempo e da allora mai più. Non allo stesso modo, almeno. Perché quelle espressioni erano per lui, con lui. E la gioia nel volto, quella che illumina gli occhi a una certa maniera, quella che dopo […]

Continua a leggere…

 

Gigi Riva e il Cagliari del ’70

Calcio: Auguri Riva,eroe di un calcio fatto di gol e onore

Nell’estate del 1963 all’aeroporto di Cagliari atterra un aereo come tanti. Seduto a bordo del velivolo c’è un ragazzo sbarbato non ancora ventenne. Questo giovane, orfano di entrambi i genitori, viene dalle fredde e nebbiose rive del Lago Maggiore ed è una delle prime volte che visita un luogo così lontano dalla propria terra natia. L’approdo in Sardegna non è una semplice visita turistica, poiché egli è obbligato a trasferirsi qui. Fa il calciatore, e all’epoca chi pratica questo mestiere non ha grande voce in capitolo; soprattutto chi, come lui, è da poco […]

Continua a leggere…

 

L’Europa muove i primi passi verso un modello sociale

il-quarto-stato

Il 2016 sembra non essere per nulla un anno positivo per le forze progressiste europee, incapaci di trovare un proprio programma politico, considerate co-responsabili della crisi finanziaria e superate a sinistra dalle forze populiste. La logica della “Grande Coalizione” ha spezzato ogni possibilità per i socialisti, sia a livello europeo sia nazionale, di distinguersi dalle forze di centro-destra. Nonostante questa crisi profonda della sinistra, qualcosa sembra muoversi, più per necessità che per convinzione, tra i palazzi di Bruxelles e […]

Continua a leggere…

 

 

Pubblicato in: Cultura, La Finestra, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati