LA COSCIENZA IN FERIE E QUELLE LEGGI “SPECIALI” ALLA VENTURINI: CHE NE DICE IL CATTOLICO BRIVIO?

Servono leggi urgenti e speciali, magari discriminanti o antidemocratiche, ma in fondo siamo in guerra e una guerra si combatte fino in fondo senza troppi se, senza troppi ma. Una cosa è chiara che dal 2001 ad oggi il terrorismo si è riversato piano piano a casa nostra non aspettiamo il momento in cui non potremo più fermarlo…“.

Ezio Venturini assessore 2L’autore di queste belle frasi non si chiama Salvini e nemmeno, in chiave minore, Nogara. Non è collocato nell’area della destra più razzista e retriva, non fa parte della Lega e non governa un capoluogo di provincia in una giunta dichiaratamente islamofoba. No. Chi ha scritto questo richiamo alle leggi razziali di mussoliniana memoria si chiama Ezio Venturini ed è parte, grazie al suo pugno di voti alle elezioni del 2015, della squadra di assessori di Virginio Brivio. Squadra, non squadraccia. Di quel Brivio così rassicurante, che profuma di acquasanta ed evoca immagini da oratorio, tutto casa chiesa e Palazzo Bovara.

Ecco, a codesto spettabile cattolicissimo sindaco si chiede una presa di posizione nei confronti del suo assessore – che non vogliamo immaginare “imposto” – per via di quel pugnetto di voti di cui sopra. Un risveglio della candida coscienza da primo cittadino cristiano prima ancora che credente, da persona tollerante e aperta, da sindaco che non discrimina ma prova a includere. E comprendere.

Brivio bis fascia valsecchi bonacina venturini citterioSe un suo assessore, ovvero una persona delegata dal borgomastro a gestire una qualche materia di competenza della propria amministrazione, sbrocca richiedendo leggi urgenti e speciali, magari discriminanti o antidemocratiche, ebbene il sindaco deve dire la sua. In modo chiaro.

Non si pretende una cacciata seduta stante ma quantomeno qualche parola, magari pacata come è nello stile briviano, e però netta. E “distante”.
Diversamente, avendo esternato un personaggio pubblico che come detto è parte della maggioranza e del ‘governo’ cittadino, dovremo pensare che anche Virginio Brivio vuole “leggi speciali”, che ci considera “in guerra” e dunque che approva la necessita di combattere fino in fondo senza troppi se, senza troppi ma.

Signor sindaco, non lasci la coscienza in ferie: o con il “suo” Venturini o contro.
Ci faccia sapere, grazie.

ElleCiEnne

messa 2 _25 aprile

Pubblicato in: politica, Immigrazione, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati