IL PUNTO SUI RICHIEDENTI ASILO
DOPO LA CHIUSURA DEL BIONE:
1.358 IN PROVINCIA, CIRCA IL 4‰.
MA IN SOLI 33 DEGLI 88 COMUNI

conferenza sindaciLECCO – A partire dallo scorso 21 agosto la prefettura di Lecco ha disposto il ricollocamento dei migranti ospiti del centro di accoglienza straordinaria del Bione di Lecco presso altre strutture del territorio, operazione che si è conclusa nei giorni scorsi. A seguito della richiesta del Distretto di Lecco, la prefettura ha fornito in data odierna le informazioni sulle modalità adottate.

Tutti gli ospiti del Bione (186 alla data di chiusura) sono stati ricollocati oltre che nelle 44 strutture già operative, in alcune realtà di recentissima apertura. I comuni coinvolti dal trasferimento sono stati 28 consentendo una distribuzione il più possibile contenuta, senza eccessivi riflessi sugli equilibri locali per la parte maggiore di essi. Gli esiti del piano previsto non incidono infatti in modo significativo sui numeri delle presenze comune per comune, salvo qualche eccezione che si è chiesto di porre in priorità nella ricerca di soluzioni alternative.

migranti bione lezione italianoI Comuni maggiormente interessati dal trasferimento sono Lecco (33 ospiti), Malgrate (48), Vercurago (28) e Merate (10). La gestione dell’iniziativa è stata curata direttamente dalla prefettura, che ha convocato gli enti gestori delle strutture e ha provveduto a dare comunicazione dei trasferimenti al Distretto di Lecco e alla Comunità Montana Valsassina, oltre che ai comuni interessati. Ad oggi non sono emerse particolari criticità anche grazie alla responsabilità dei gestori e alla collaborazione dei sindaci; si evidenzia in ogni caso la necessità di un ritorno al più presto a condizioni di maggiore equilibrio, impegno peraltro assunto dalla stessa prefettura con gli amministratori locali.

A partire dai dati forniti, prefettura, Comunità Montana Valsassina e Distretto di Lecco avvieranno immediatamente un monitoraggio struttura per struttura, in collaborazione con i Comuni interessati, per una valutazione dell’impatto sociale e della sostenibilità delle soluzioni adottate, per attivare un intervento volto a rilocare le persone per numeri e in strutture di dimensioni minori, riportando la situazione ad un maggiore equilibrio. Il sostanziale blocco dei flussi e la conclusione delle procedure relative ai Bandi per la gestione dei Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS) dovrebbero consentire, a breve termine, di dedicare le nuove strutture all’ospitalità degli ex ospiti del Bione trasferiti nei giorni scorsi.

Alla data odierna il numero complessivo dei migranti ospiti in strutture del territorio provinciale è di 1.358 persone (circa il 4 per mille della popolazione residente) distribuito su 33 comuni (13 nell’Ambito distrettuale di Bellano, 13 nell’Ambito distrettuale di Lecco, 7 nell’Ambito distrettuale di Merate).

migranti distribuzione post-bioneNell’Ambito distrettuale di Bellano sono presenti 401 persone, corrispondenti al 29,53% del totale migranti e al 7,5 per mille della popolazione; nell’Ambito di Lecco 748, corrispondenti al 55 % del totale migranti e al 4,51 per mille degli abitanti; nell’Ambito di Merate 209 persone corrispondenti al 15,4 % del totale migranti e al 1,74 per mille della popolazione residente.

Complessivamente quattro comuni: Lecco, Malgrate, Airuno e Cremeno sommano il 57% del totale dei migranti inseriti nel sistema di accoglienza, ulteriore segnale di una distribuzione non equa delle presenze. La città di Lecco vede la presenza di ben 13 strutture di accoglienza per complessivi 385 ospiti (28,35 % del totale) circa l’8 per mille dei residenti.

migranti distribuzione post-bione donneSul totale dei migranti, 161 sono donne sole o in nucleo familiare (11,86% del totale presenze migranti), ospiti di 16 strutture dislocate nei tre Ambiti come di seguito indicato. I bambini ospiti delle strutture sono complessivamente 38.

“Il pur lieve incremento di nuovi comuni ospitanti registratosi in questi mesi – commenta il presidente del Distretto di Lecco Filippo Galbiati – è l’indicatore della possibilità di un maggior coinvolgimento di tutti gli enti locali nella soluzione del problema. Il blocco degli invii dovrà infatti consentire ora, a tutti i sindaci, di considerare con maggiore disponibilità l’apertura di piccole e medie strutture di accoglienza che permetteranno di riequilibrare la situazione territoriale, nello spirito di collaborazione e solidarietà istituzionale che caratterizza da sempre i nostri comuni in materia di politiche sociali”.

“Vi sono ora infatti maggiori condizioni per privilegiare soluzioni di nuclei abitativi medio/piccoli e su questi lavorare per l’integrazione sia pure temporanea, anche attraverso la rete delle realtà associative locali – prosegue il sindaco di Casatenovo -. Conoscere, coinvolgere, attivare queste persone è un fatto civile ma anche un fattore preventivo e protettivo delle nostre stesse comunità. Nei prossimi giorni, alla luce degli esiti del monitoraggio della situazione, prefettura di Lecco, Distretto di Lecco e Comunità Montana Valsassina procederanno ad una prima verifica delle soluzioni da adottarsi”.

 

 

Pubblicato in: politica, Immigrazione, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati