IL LECCO COME LA LAZIO:
AL VIA LO “SPALMA-DEBITI”
PER SALVARE IL FUTURO

UFFICI calcio leccoLECCO – La Calcio Lecco come la Lazio. Da martedì infatti è partita l’operazione spalma debiti, per garantire un futuro alla società che da anni sta passando un periodo travagliato. I vertici del club hanno iniziato a inviare i documenti relativi alla ristrutturazione del debito all’avvocato Cesare Di Cintio, vero esperto del settore che ha già curato la situazione economica di alcune squadre di calcio. Obiettivo finale rateizzare il debito bluceleste, che ammonterebbe a poco più  700mila euro, per evitare lo spettro di un fallimento che, in questo momento, potrebbe chiedere qualsiasi creditore. E anche per essere in regola in vista dell’iscrizione in serie C. Perché è vero che, come dice il patron Daniele Bizzozero, “il grosso dei debiti sono stati fatti dalla gestione della famiglia Invernizzi e loro hanno firmato un documento in cui si impegnano a saldarli”, ma è anche vero che, nel caso, il Lecco potrebbe essere più tranquillo e farsene carico direttamente con rate ventennali da due o tremila euro.

“Stiamo lavorando per questo – spiega il presidente – risanando così la società con l’aiuto di un esperto del settore. E così saremo pronti per iscriverci in Lega pro. Poi la richiesta che sto facendo ai nuovi acquirenti è di aiutarmi con le spese di iscrizione, fidejussione e i primi mesi di campionato. Da dicembre arriverebbero i contributi federali e saremmo più tranquilli”. Ottimista di natura, Bizzozero è già proiettato nella categoria superiore. Ma prima c’è da capire se Di Cintio riesce a ristrutturare il debito e se il giudice concederà lo spalma debiti.

Non dovrebbero esserci (in teoria) troppe difficoltà, ma il patron, insieme al segretario Ivan Corti, ha già incontrato il legale nei giorni scorsi, che però non ha mai visionato i documenti prima di ieri. L’ennesima mossa per salvare il club e portarlo nel calcio che conta. Che deve avvenire però prima di luglio, quando via don Pozzi dovrà necessariamente avere tutte le carte in regola se vuole fare il salto di categoria.

 

 

Pubblicato in: Città, Economia, Sport, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati