IDROSERVICE CHIUDE IN POSITIVO
IL BILANCIO 2015. “CON LRH
IMPULSO AGLI INVESTIMENTI”

IdroserviceLECCO – Lo scorso 20 aprile 2016 l’Assemblea dei Soci di Idroservice Srl ha approvato il bilancio della Società per l’esercizio 2015. Al termine dell’iter approvativo e del consolidamento dei dati a livello di Gruppo, Idroservice intende proporre alcune considerazioni sui dati economici e finanziari che hanno caratterizzato l’esercizio appena concluso.

I ricavi conseguiti nell’anno assommano a 47,2 milioni di euro, conseguiti, per la componente più significativa di 45,1 milioni di euro, nell’attività di gestione del servizio idrico integrato e, per la parte rimanente, nella vendita di acqua all’ingrosso nelle Province di Como e Monza Brianza oltre che nel trattamento di reflui da fosse biologiche. I ricavi realizzati nella gestione del servizio idrico evidenziano l’incremento di circa 2 milioni euro, rispetto al valore 2014, per effetto sia dei maggiori volumi di acqua distribuiti (+ 1,3 milioni di metri cubi) durante l’estate 2015 – che, ricordiamo, è stata particolarmente calda e priva di precipitazioni –, sia dell’incremento applicato alle tariffe 2014 – incremento determinato dall’Ufficio d’Ambito di Lecco in applicazione alla Delibera n. 643/2013/R/idr del 27 dicembre 2013 dell’AEEGSI (Autorità per Energia Elettrica, il Gas ed il Servizio Idrico, ndr.) – e teso a garantire le risorse necessarie per attuare gli investimenti indispensabili per l’aggiornamento dell’infrastruttura impiantistica provinciale e per evitare l’esecutività delle sanzioni europee per le infrazioni aperte in alcuni agglomerati provinciali.

“A sostegno degli investimenti in un settore industriale da sempre caratterizzato dalla difficoltà di accesso al credito, per la bassa redditività di molte delle imprese che vi operano, l’AEEGSI ha introdotto una specifica componente tariffaria, denominata FONI (Fondo Nuovi Investimenti) che, se da un lato ha portato ad un incremento della tariffa, dall’altro ha consentito di ottenere la liquidità necessaria a mettere in campo gli investimenti più urgenti”, ha commentato l’Amministratore unico di Idroservice, ing. Gianfranco Castelli. Per Idroservice, il margine operativo lordo positivo per 6,4 milioni di euro, realizzato a fronte di costi per servizio di 40,8 milioni di euro, ha fornito una componente essenziale di autofinanziamento, che la Società ha trasformato complessivamente in investimenti nell’anno per 8,2 milioni di euro.

acqua rubinetto 2“Riteniamo che quest’ultimo aspetto rappresenti la cifra distintiva di un anno di attività che, se ha avuto momenti di complessità legati alla contingenza meteorologica, ha consentito alla Società di eseguire la missione che i nostri azionisti hanno dato e che la tariffa ha consentito di sostenere”, ha aggiunto Castelli. “Ovviamente – prosegue l’amministratore  – ogni medaglia ha due facce e, se da un lato i margini operativi forniscono la liquidità necessaria agli investimenti, dall’altro si riflettono, in una fase iniziale di ammortamenti ancora limitati, nell’utile di esercizio, che per la Società è stato di 4,14 milioni di euro, e nella conseguente tassazione. Sulla base della normativa attuale, non è possibile disgiungere i due effetti”.

Sotto il profilo del servizio, l’esercizio 2015 ha visto la Società consolidare i risultati positivi nella valutazione del servizio da parte delle utenze, rilevato mediante l’indagine di Customer Satisfaction eseguita nell’ottobre 2015. “Il campione intervistato ha espresso un’opinione positiva del nostro lavoro, con un incremento del 2%, rispetto all’anno precedente, delle valutazioni “soddisfatto” o “molto soddisfatto”. Abbiamo ritenuto di valutare, con una sezione specifica del questionario, l’opinione delle utenze su come la nostra Società ha saputo gestire l’emergenza idrica estiva, traendone delle indicazioni utili per il futuro”.

Al 31 dicembre 2015, Idroservice presenta un capitale investito netto di 24,5 milioni di euro ed un patrimonio netto di 15,7 milioni di euro. “Il 2015 ha rappresentato l’ultimo anno della gestione idrica di Idroservice, che nelle prossime settimane sarà oggetto di fusione all’interno della Capogruppo LRH. Siamo certi che, grazie all’affidamento ventennale, LRH potrà dare ulteriore impulso all’attuazione di un piano industriale fortemente orientato alla razionalizzazione delle attività ed all’esecuzione di un importante programma di investimenti”. “In conclusione, desidero esprimere il mio ringraziamento ai tutti i dipendenti di Idroservice per il lavoro svolto in questi anni ed alle Amministrazioni Comunali che hanno spesso costituito un elemento di cerniera imprescindibile tra l’utenza ed il gestore del servizio”, conclude Castelli.

 

 

 

Pubblicato in: Città, Hinterland, Valsassina, Lago, Economia, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati