GUERRA IN UCRAINA/LES CULTURES
RACCOGLIE AIUTI UMANITARI.
“NON RESTIAMO INDIFFERENTI!”

les cultures logoLECCO – Prosegue la vacanza lecchese dei ragazzi ucraini invitati dall’associazione Les Cultures per un periodo terapeutico lontano dalle contaminazioni del disastro di Chernobyl. Nei loro racconti la guerra che imperversa nella periferia dell’Europa. Parallelamente quindi è nato un progetto di raccolta aiuti umanitari.

“Anche se la televisione non ne parla più, – spiegano da Les Cultures – il conflitto in Ucraina continua con le sue drammatiche conseguenze. I racconti che abbiamo raccolto dai responsabili del Detskj Fond, nostra associazione partner, che hanno accompagnato i bambini arrivati per il progetto di ospitalità terapeutica parlano di guerra, giovani in fuga dall’esercito, profughi e orfani”.

“Nelle regioni orientali di Donetsk e di Lugansk truppe ucraine e separatisti filorussi si combattono apertamente in una guerra che ha causato fin’ora oltre 6.000 vittime, di cui circa 1.000 erano giovani della regione di Chernigov. E’ stata istituito il reclutamento obbligatorio per tutti i ragazzi tra i 18 e i 30 anni, per sottrarsi ai combattimenti un numero crescente di giovani sta cercando rifugio verso le aree rurali o addirittura verso l’estero”.

ucraina rifugiati nytimes“A causa del conflitto sono circa 10.000 i profughi, soprattutto donne e bambini, che hanno trovato riparo nella regione di Chernigov. Per accoglierli, le autorità locali hanno messo a disposizione le strutture utilizzate per le colonie estive, ma la situazione è gravissima: il cibo scarseggia così come le medicine e prodotti basilari per l’igiene e la sopravvivenza“.

E’ una situazione drammatica, di fronte alla quale non possiamo restare indifferenti! 

Il prossimo 23 luglio i bambini torneranno in Ucraina, ci sarà quindi la possibilità di mandare, tramite loro, un carico di aiuti umanitari. Per questo motivo i volontari lecchesi stanno raccogliendo olio in lattina, zucchero, pasta, riso, farina, scatolame vario (tonno, piselli, fagioli, ceci, …), materiale per l’igiene personale (dentifricio, sapone, shampo, bagnoschiuma).

I prodotti raccolti saranno distribuiti, nella massima trasparenza, dal nostro partner locale nelle colonie che ospitano i profughi.

E’ possibile consegnare il materiale presso la sede dell’associazione Les Cultures in Via Cavour 90/m a Lecco entro e non oltre il 15 luglio. Gli uffici sono aperti tutte le mattine, da lunedì a venerdì. Per consegne in altri orari contattare telefonicamente la onlus allo 0341.284.828.

 

 Immagine in evidenza by New York Times

 

Pubblicato in: Cultura, Dal mondo, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati