ESEGUITO A LECCO UN RARISSIMO
AUTOTRAPIANTO DI CUORE.
“DECISIONE SOFFERTA MA GIUSTA”

LECCO – Eseguito pochi giorni fa nella Cardiochirurgia del Manzoni di Lecco un autotrapianto di cuore, un delicato intervento che – a causa del suo elevato livello di complessità e per il fatto che esso richiede la presenza di una equipe chirurgica con esperienza nel trapianto cardiaco – viene ad oggi praticato molto raramente e solo in pochi centri al mondo.

L’intervento è stato eseguito su di un uomo di 48 anni che presentava da alcuni mesi una sintomatologia addominale di difficile interpretazione. Dopo ripetuti accessi al pronto soccorso, al paziente era stata diagnosticata la presenza di una voluminosa neoformazione situata all’interno dell’atrio sinistro, la più posteriore e di difficile accesso delle quattro camere cardiache.

“All’interno dell’atrio sinistro – spiega il dottor Amando Gamba, direttore del Dipartimento Cardiovascolare di Asst Lecco – si può accedere tramite una incisione di pochi centimetri sufficiente per riparare o sostituire la valvola mitrale ma certamente troppo piccola per asportare una massa di circa 10 cm di diametro con un’ampia e profonda base di impianto. Si è ricorsi pertanto ad una tecnica molto particolare denominata appunto ‘autotrapianto’. Attraverso l’autotrapianto il cuore viene rimosso dalla cavità toracica per permettere di asportare la neoformazione dall’atrio sinistro con maggior facilità. Al termine dell’operazione si procede a reimpiantare il cuore con la stessa tecnica utilizzata per il trapianto cardiaco ma con qualche difficoltà in più a causa della presenza di margini di sutura più ristretti e per via della necessità di eseguire una anastomosi diretta delle due vene cave non sempre di facile esecuzione”.

Durante l’operazione, il cuore è stato tenuto ad una temperatura di 4 C° in un contenitore con acqua e ghiaccio, mentre la circolazione e l’ossigenazione del sangue per tutto l’organismo è stata garantita dalla macchina cuore-polmoni (detta anche circolazione extracorporea) nel caso specifico con raffreddamento del paziente a 28 C° . Durante l’intervento è stata inoltre eseguita una riparazione della valvola aortica che presentava una moderata insufficienza dovuta ad una malformazione congenita.

L’intervento è durato complessivamente circa cinque ore – prosegue il dottor Gamba – di cui tre in circolazione extracorporea mentre il cuore è rimasto fuori dal torace per circa un’ora. Il decorso postoperatorio è stato complessivamente regolare con estubazione dopo sei ore. La scelta della tecnica da utilizzare è stata difficile e sofferta ma visto il risultato sembra sia stata una decisione giusta che ci ha permesso di raggiungere l’obiettivo prefissato di asportare completamente la neoformazione. A tutt’oggi il paziente è in buone condizioni”.

L’equipe operatoria che ha eseguito l’intervento era composta dai cardiochirurghi Amando Gamba e Giordano Tasca e dal cardioanestesista Pietro Carboni mentre in decorso postoperatorio è stato coordinato dal responsabile della terapia intensiva dottor Angelo Vavassori. Oltre ai medici hanno attivamente collaborato alla riuscita dell’intervento i tecnici della circolazione extracorporea e il personale infermieristico della sala operatoria e terapia intensiva. Particolarmente utile è stata inoltre la collaborazione con i cardiologi per la diagnosi preoperatoria.

 

Pubblicato in: Sanità, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati