DOCENTI E TECNICI GIORDANI
AL ‘POLI’ PER STUDIARE
SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI

GIORDANIA POLI 2LECCO – Rush finale per il corso di formazione avanzato GIS – Sistemi Informativi Geografici, che dal 18 giugno ha portato al campus 12 tra docenti e tecnici provenienti da 3 università tecniche della Giordania.

Il corso di inserisce nell’ambito delle attività del progetto ERASMUS + GEO4D – Geodesy and Geoinformatics for Sustainable Development in Jordan di cui il Politecnico di Milano è partner insieme a: Royal Institute of Technology (Svezia – Capofila di Progetto), University of Leon (Spagna), Yarmouk University (Giordania), Al-Balqa Applied University (Giordania), Hashemite University (Zarqa, Giordania), Modern Survey Office (Giordania) e Ministry of Higher Education and Scientific Research (Giordania).

GIORDANIA POLI1A condurre i giochi di queste due settimane di full immersion i docenti del Politecnico – Polo territoriale di Lecco Marco Scaioni, Responsabile Scientifico del Progetto GEOD4 e Maria Antonia Brovelli, Direttore del Corso ed esperta internazionale in tema di GIS. Il progetto mira a trasferire conoscenze utili a modernizzare l’istruzione superiore in tema di Sistemi Informativi Geografici.

Grazie a quanto appreso al corso, i partecipanti, provenienti dalle tre università giordane partner di progetto, avranno acquisito un bagaglio di competenze che permetterà loro di lavorare alla creazione di un laboratorio di ricerca GIS presso le loro università, di attivare 3 programmi Master già nel 2019 e di introdurre modalità didattiche innovative di e-learning nel 2020.

Il corso ha previsto le lezioni teoriche frontali e una serie di sessioni pratiche svolte utilizzando software per il trattamento di geodati e di geoinformazioni che hanno permesso agli allievi di sperimentare le più recenti tecnologie su casi studio specifici.
Il programma ha incluso, inoltre, due visite tecniche presso il Parco Scientifico e Tecnologico ComoNEXT e presso il JRC – Joint Research Centre di Ispra in provincia di Varese.

 

Pubblicato in: Cultura, Dal mondo, Giovani, lavoro, Città, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati