DAI PIANI D’ERNA ALLA BRIANZA
LA FESTA DEL 25 APRILE
NEGLI ARCI DELLA PROVINCIA

image003LECCO – Arci Lecco anche quest’anno organizza ResistLecco, la mappa culturale  delle iniziative (racconti,concerti, presentazioni di libri, spettacoli teatrali, trekking, mostre, momenti di formazione e di dibattito….) che sul territorio di Lecco e provincia  vengono realizzate nell’ambito della Memoria e della Resistenza dai circoli Arci e dalle varie associazioni e realtà che si occupano di  queste tematiche, ne riattualizzano gli ideali di libertà e giustizia sociale che ne sono stati motore di sviluppo, difendono la Costituzione italiana antifascista, lottano per un mondo migliore.

Il filo conduttore dell’ edizione 2018 si ispira direttamente alla campagna Mai Più Fascismi, promossa a livello nazionale anche dall’Arci nazionale. In questo periodo di crisi economica e di totale vuoto a sinistra nel panorama degli attuali partiti, le semplici soluzioni propagandate dai populisti di destra sono spesso identificate dalle persone quali uniche possibilità di concreta risoluzione dei problemi della vita di tutti i giorni. Ecco perché è importante diffondere in tutta Italia  questa campagna, che si articola in una raccolta firme e una serie di  iniziative che mettono al centro i valori costituzionali e l’antifascismo. Perché a 70 anni dall’entrata in vigore della nostra Costituzione, nella nostra democrazia e all’interno delle sedi istituzionali si stanno affermando partiti e formazioni politiche con richiami espressamente razzisti e antidemocratici che oggi come allora minano la pace, l’unità tra i popoli, l’uguaglianza tra gli uomini e gli stessi principi fondanti della nostra democrazia.

Anche quest’anno ResistLecco 2018 è dedicato alle persone che “dal basso”  si  auto-organizzano all’interno degli spazi popolari appartenenti alla tradizione della sinistra quali circoli Arci, sedi dell’Anpi e delle associazioni per portare avanti quel faticoso lavoro di sensibilizzazione culturale e promozione sociale che in questo periodo storico può essere bene inteso come un’azione di resistenza. Si parte da venerdì 20 aprile con un ricco programma di iniziative per poi concentrarsi sul fulcro della rassegna: mercoledì 25 aprile data per cui sono previsti eventi culturali e momenti di aggregazione. Il programma proseguirà anche dopo la festa della Liberazione, fino alla metà del mese di maggio. Gli eventi del festival si terranno nelle sedi, sulle montagne sulle quali i partigiani combatterono, nelle piazze, nelle strade cittadine, nei luoghi pubblici in cui si visse la lotta di Liberazione.

Di seguito, il programma completo di ResistLecco2018:

ASPETTANDO LA LIBERAZIONE

Verderio, venerdì 20 aprile alle 21, Circolo Arci Pintupi
RACCONTO | Aquile Randagie, gli scout che si ribellarono al fascismo
Lo scautismo, soppresso in era fascista, continuò clandestinamente per ben 17 anni grazie alle “Aquile Randagie”.  Ci racconta della loro Resistenza, vissuta con coraggio e fedeltà, Emanuele Locatelli, capo scout e divulgatore della loro storia.
Nel 1928 Mussolini dichiara soppresso lo scoutismo,ma alcuni scout di Milano e Monza decidono di continuare le attività clandestinamente, promettendo di resistere “un giorno in più” del fascismo.
Quella delle Aquile Randagie è la storia di una Resistenza durata 17 anni.
Una testimonianza di coraggio e fedeltà all’ideale che desta ammirazione e interroga sulla Libertà. Nel 1943 le Aquile Randagie contribuirono a fondare l’OSCAR, un’organizzazione che portò in salvo oltre 2000 persone perseguitate dal regime, aiutandole ad espatriare in Svizzera.
Organizza: Circolo Arci Pintupi
Iniziativa rivolta ai Soci Arci.

Lecco, sabato 21 aprile alle 11, Rifugio Marchett (Loc. Piani d’Erna)
TEATRO | Erna 1943: racconto Partigiano
Una storia di guerra, di vite spezzate, di gioia e speranza.
Una storia di prati, di boschi, di città e paesi.
Una storia di fiori nascosti tra le pietre lungo un sentiero di montagna.
Una storia di nomi dimenticati e di volti di cui abbiamo perso memoria.
Una storia di uomini e di donne che hanno saputo dire NO. Un racconto partigiano.
con Carlo Decio | Musiche: Luca Pedeferri
Testo di Simone Colombo, Shantala Faccinetto, Davide Franceschini.
Contributo 25 € > vino+tagliere+spettacolo+pranzo
E’possibile raggiungere il rifugio a piedi o in funivia.
Organizzano: Circolo Arci Dinamo Culturale, ANPI provinciale di Lecco

Val Biandino, domenica 22 aprile
TREKKING e MUSICA | 15° Salita e concerto in Biandino 
Il tradizionale incontro per ripercorrere e ricordare quanto avvenuto nell’inverno 1944/1945 in ricordo di tutti i caduti partigiani.
Partenza da Introbio alle ore 8.30> ore 12,00 pranzo al Rifugio Tavecchia.
A seguire il concerto de l’Orchestrina Majakovskij.
Contributo €4 | Pranzo al Rifugio Tavecchia €16
Prenotazioni 3286449497 o info@arcilaloco.org
Il percorso di salita al Rifugio è effettuato dai partecipanti a titolo personale e sotto la propria responsabilità
Organizzano: Associazione Banlieue, Anpi sez.Brinza Lecchese, Circolo Arci La Lo.Co.

Lecco, martedì 24 aprile alle 21, Spazio Teatro Invito
CINEMA | Proiezione del film Una questione privata di Paolo e Vittorio Taviani
Organizzano: Circolo Arci Dinamo Culturale, Teatro Invito

MERCOLEDì 25 APRILE 2018

Verderio, Altrimenti Rock 16, Piazza Annoni
FESTA IN PIAZZA | dalle 10 alle 19. Come ogni anno dal 2003, l’Arci Pintupi festeggia il 25 aprile nella piazza di Verderio Inferiore con bella musica, cibo, birre e condivisione!
Quest’anno la colonna sonora del pomeriggio sarà il folk tutto da ballare de La Malaleche, gruppo che nasce a metà del 2015 dall’ unione di tre musicisti dal sangue bollente e da diverse provenienze musicali: la volontà è da subito quella di creare una sonorità creola, che incontri e reinterpreti insieme generi dal folk al ragga, passando per la rumba e il rock n roll. Una patchanka di suoni con un set di strumenti acustici, che canta canzoni di lotta per l’amore e di amore per la lotta, grazie a una voce dolce e potente allo stesso tempo, un sassofono graffiante, chitarra e percussioni che incalzano e definiscono il ritmo trascinante dei brani.
A fine marzo partecipano con oltre 500 ragazzi italiani all’esperienza de ” Il treno della memoria”, attraverso laboratori musicali e un concerto a Cracovia dopo la visita ai campi di concentramento. Da questa esperienza viene tratto “Memoria Viva”: un videoreportage dell’esperienza vissuta in quei giorni.
Successivamente hanno suonato prima di gruppi come Modena City Ramblers, Bandabardò, 99 Posse, Tonino Carotone, partecipando alla prima giornata dell’orgoglio meridionale e antirazzista a Pontida, alla Sbiellata Sanzenese, al Fara Rock e al Bum Bum Festival di Trescore Balneario.
Organizza: Circolo Arci Pintupi 

Osnago, 73esimo anniversario della festa di Liberazione dal Regime Nazifascista
dalle 9: ritrovo in via S. Anna, deposizione corona Via S. Anna e Cippo Casiraghi,  deposizione della corona al Monumento ai caduti e discorso delle Autorità.

Ore 12.30 >> Arci La Lo.Co.
PRANZO SOCIALE | con il coro Le Voci di Mezzo
Il canto è una delle costanti delle lotte della gente oppressa: in guerra, sul lavoro, nelle manifestazioni di piazza . L’Associazione culturale Voci di Mezzo, che si occupa della ricerca e diffusione del canto popolare italiano e internazionale, animerà la giornata con canti di lotta e della tradizione.
Contributo 17€  bevande incluse, prenotazione obbligatoria entro il 24/04
In caso di maltempo l’evento si terrà presso la mensa della scuola elementare.
Per info e prenotazioni: info@arcilaloco.org 328 6449497 _ 320 7940183
Iniziativa aperta al pubblico

Ore 21 >> sala Cine-Teatro don G. Sironi
CINEMA | Proiezione del film Una questione privata (2017), diretto da F.lli Taviani:
Tratto dall’omonimo romanzo di Beppe Fenoglio pubblicato nel 1963.

Barzanò, Per non dimenticare – 10^ed, Piazza del Mercato
FESTA IN PIAZZA | ore 10:30 Apertura della MOSTRA  In treno con Teresio Olivelli, i deportati del trasporto 81 presso la Sala Civica di via Mons. Colli
>>ore 14:30 Corteo e omaggio ai partigiani Barzanesi
>>dalle 15:00 MUSICA e festa con: Keen eight – rock / pop | Umido – rock / pop |  Fausto Bonacina – cantautore | Concerto di percussioni
Servizio ristorazione e bar a cura della pro Loco di Barzanò. Giochi e animazione per i piccoli.
>> dalla mattina e per tutta la giornata
Mercatino solidale e stand di associazioni, hobbisti e produttori locali.
Organizzano: Circolo LiberArci, Anpi Brianza Lecchese, Associazione Banlieue, Emergency, Comune di Barzanò

Civate, Normalità a pieno regime, Casòta del Partigiano
TREKKING e MUSICA | In occasione della Festa della Liberazione, i Soci del Circolo ARCI Bellavista di Civate, hanno il piacere di invitare tutti i cittadini presso la Casotta dei Partigiano di Civateluogo simbolo della Resistenza locale.
La formula è la solita, tradizionale e consolidata: con la scusa di fare due passi in montagna, ci si trova per passare una giornata insieme, tra contributi storici, musica e brindisi, celebrando una data simbolo della nostra storia in un luogo simbolo del nostro territorio.
Il tutto in una cornice naturale assai suggestiva: immersi nel bosco ai piedi del Monte Cornizzolo, all’interno della Valle dell’Oro.
Per questo siete tutti invitati a partecipare alla grande giornata di festa, quest’anno dedicata a spettri, pulsioni e riflessi del fascismo oggi.

>> ore 10.30 :  ritrovo alla Casotta del Partigiano
La Casotta del Partigiano di Civate è situata in località Sason.
Raggiungerla non è difficile: al bivio del Pozzo (località sopra Civate, ai piedi del Monte Cornizzolo) a destra e poco dopo a sinistra verso Linate, imboccando il Sentiero n.11 (che porta anche alla basilica di San Pietro al Monte).
Anche da Val dell’Oro ci si può arrivare: sentiero principale per San Pietro al Monte, alla c.d. “Fontana Fregia” si prende il sentiero che attraversa il fiume. In tutti i casi troverete sempre e comunque le indicazioni per la Casotta, seguitele; tempo di percorrenza sempre una ventina di minuti al massimo (in salita…ma pochi..;)
>>ore 11.00:  intervento del Sindaco + mix di contributiletture e canzoni popolari a cura dei ragazzi del Circolo ARCI Bellavista di Civate
>>  a seguire via alla Festa: megarinfresco offerto dall’ARCI di Civate  #freegrill  #freeguitar
In caso di maltempo non ci roviniamo la festa, infatti la manifestazione si svolgerà regolarmente nella sede del Circolo Arci Bellavista di Civate (Via Cà Nova 20). Don’t warry, se succede (ma non succede), vi avvisiamo noi!!
Organizzano: Circolo Arci Bellavista, Comune di Civate, ANPI Lecco

ORA è SEMPRE RESISTENZA

Barzanò, giovedì 26 aprile alle 21, Sala Civica
Presentazione della mostra In treno con Teresio Olivelli i deportati del trasporto 81
Con Gabriele Fontana
Organizzano: Circolo LiberArci, Associazione Banlieue, Comune di Barzanò

Osnago, sabato 28 aprile alle 18.30, Circolo Arci La Lo.Co.
RACCONTO | Una donna tra i signori della guerra
Quando la resistenza diventa un fatto di donne: Malalai Joya, l’attivista afgana salita agli onori delle cronache nel 2003, quando, come delegata dell’assemblea del popolo, pronunciò un discorso con il quale osò apertamente sfidare i signori della guerra, sarà con noi accompagnata dal CISDA (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane).
Durante la serata si potrà gustare e acquistare lo Zafferano coltivato da 12 Donne di Herat, progetto promosso dal CISDA.
Iniziativa aperta al pubblico
Organizza: Circolo Arci La Lo.Co.
Iniziativa rivolta ai Soci Arci.

 

Pubblicato in: Cultura, Eventi, Civate, Città, Hinterland, Valsassina, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati