0

“CITTÀ INFINITA”: DAL 24 GENNAIO
ALLA TORRE VISCONTEA
LA MOSTRA DELLA CARDUCCI

1712_citta_infinitaLECCO - “Ricostruiamo paesi e cuori con la città infinita” sarà la prima mostra in città del 2018. Promossa dal Comitato Genitori della Scuola Primaria G. Carducci di Lecco e organizzata grazie all’impegno dei bambini, degli insegnanti e dei genitori della scuola, coinvolti nelle tante attività di fundraising durante l’anno scolastico 2016/2017, la “Città Infinita” sarà allestita dal 24 al 28 gennaio 2018 presso la Torre Viscontea e si concretizzerà attraverso uno spazio gioco di costruzione ideato dall’architetto Mao Fusina.

L’idea nasce nell’autunno 2016 a seguito del terremoto che ha colpito il Centro Italia, distruggendo interi paesi. La Scuola G. Carducci si era mobilitata per una raccolta fondi finalizzata alla ricostruzione della scuola di Poggio Bustone, con la quale è stato attivato il gemellaggio nell’ambito del progetto di solidarietà  “Ricostruiamo paesi e cuori” per tutto lo scorso anno scolastico. Nell’ambito di questo progetto di solidarietà il Comitato Genitori della scuola ha voluto realizzare un’iniziativa che fosse realmente collegata con il tema della ricostruzione e che potesse attivamente coinvolgere bambini, ragazzi e adulti in un’attività divertente ed educativa. Immediato è stato il collegamento con la Città Infinita, già proposta in varie città italiane e straniere, nell’ambito di strutture importanti dedicaÀte ai bambini, come al Museo dei bambini di Milano e nell’ambito di manifestazioni legate ai diritti per l’Infanzia: nel corso del mese di novembre la Città Infinita è stata realizzata a Parma in occasione della giornata Internazionale dei diritti per l’infanzia.

La Città Infinita di Mao Fusina è un gioco costruttivo che utilizza materiali di scarto industriale per creare e ricreare infiniti spazi urbani e che si fonda su valori e principi educativi come la creatività e la sostenibilità attraverso l’uso e il riuso di materiali di scarto, il rilancio di un dialogo collettivo sui temi della città e della cittadinanza attiva, l’incentivazione di giochi costruttivi e cooperativi, capaci di alimentare il dialogo e la condivisione di saperi e competenze. In questo gioco costruttivo il coinvolgimento manuale, progettuale ed emotivo è di tutti: non esiste un’età specifica per giocare alla città infinita, un lavoro collettivo che prende forma grazie alla cooperazione di tutti.

Il progetto “Ricostruiamo Paesi e Cuori con la Città Infinita” è finanziato dal Comitato Genitori della Scuola G. Carducci e dal Comune di Lecco che ha, inoltre, messo a disposizione la centralissima e suggestiva Torre Viscontea per cinque giornate: dal 24 gennaio al 28 gennaio 2018. Gli assessori alla cultura Simona Piazza e all’istruzione Salvatore Rizzolino hanno infatti fin da subito colto e apprezzato il valore educativo dell’iniziativa, oltre che la sua natura benefica ed hanno quindi accolto la proposta del Co.Ge. Carducci di realizzarlo in uno spazio della città per renderlo accessibile a tutta la cittadinanza.

“La prima mostra del 2018 testimonia un impegno importante da parte del Comune di Lecco, un lavoro sinergico frutto della collaborazione del Comitato Genitori della Scuola G. Carducci, con l’assessorato all’istruzione e l’assessorato alla cultura e pensato per portare in città un importante progetto di formazione ed educazione alla cultura per grandi e piccini - commentano l’assessore alla cultura del Comune di Lecco Simona Piazza e l’assessore all’istruzione Salvatore Rizzolino -. Il progetto di Mao Fusina, che è già stato realizzato in tante città italiane, troverà spazio anche a Lecco e offrirà la possibilità di realizzare laboratori creativi attraverso il riuso di materiali di scarto e riciclo e la possibilità di cooperare ad un progetto comune. Ci aspettiamo quindi una grande partecipazione sia da parte delle scuole, sia di tutti i bambini che passeranno dal centro città in quei giorni, perchè non si facciano sfuggire la possibilità di mettersi in gioco, divertendosi ed imparando in maniera creativa, nella costruzione della città che vorrebbero”.

L’invito a partecipare alla Città Infinita è rivolto a tutti i bambini, ai ragazzi e alle loro famiglie: la creatività dei più piccoli infatti, supportata dalle abilità degli adulti, può dar luogo a progetti architettonici e installazioni artistiche di forte impatto scenico. Per gruppi numerosi è consigliata la prenotazione del turno di interesse, che può essere effettuata scrivendo a cogecarducci.lecco@gmail.com. Quanto verrà raccolto durante i cinque giorni di manifestazione verrà devoluto alla Scuola Primaria di Poggio Bustone per la ricostruzione della mensa scolastica.

 

Pubblicato in: Città, Cultura, Giovani, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati