CINQUE SETTIMANE DI LAVORI
CON 180 MIGRANTI COINVOLTI:
IL RIGAMONTI CEPPI È PRONTO

LECCO – Lo stadio è pronto per la nuova stagione, anche se gironi e calendari non sono stati ancora comunicati. Venerdì 10 agosto è stato presentato il resoconto dei lavori di pulizia effettuati a partire dal 9 luglio, con il coinvolgimento complessivo di circa 180 migranti.

Nelle prime tre settimane si sono alternati gruppi di 30 ragazzi ed è stata effettuata la pulitura delle caditoie, degli spalti e dei seggiolini oltre alla rimozione di calcinacci e inerti, prima di passare alla rasatura con cemento delle gradinate e ai lavori di tinteggiatura. Nella quarta settimana hanno partecipato turni di 70 ragazzi e nella quinta settimana di 40. E’ stata effettuata anche l’igienizzazione di bagni, spogliatoi e uffici.

Nell’organizzazione delle squadre di lavoro i volontari dell’associazione “Lezioni al campo” si sono coordinati con i referenti dei centri di accoglienza del territorio da cui provengono i ragazzi volontari: “Sacra Famiglia” di Maggianico, “Tre fontane”” di Cremeno e Airuno, “Progetto Itaca” di Lecco, Ballabio, Malgrate e Calco, “Vega” di Carenno e Vercurago, “Arcobaleno” di Lecco, Mandello e Santa Maria Hoè e “Fondazione progetto Arca” di Lecco.

Durante le mattinate di lavori i ragazzi si sono coordinati, individuando tra loro quattro referenti e suddividendosi in diversi compiti operativi e di relazione con i tecnici del comune. In queste settimane è emersa la capacità dei ragazzi di auto-organizzarsi e di collaborare, oltre a diverse eccellenze e competenze professionali.

Queste le parole di Bamba Adama, portavoce di tutti i richiedenti asilo partecipanti al progetto: “Vorrei iniziare esprimendo il nostro ringraziamento all’assessore Valsecchi, al comune di Lecco, a Lezioni al campo e alle varie cooperative, perché ci hanno dato l’opportunità di dimostrare le nostre capacità e la nostra esperienza
professionale. Vi ringraziamo di avere avuto fiducia in noi perché senza ciò, nessuno avrebbe potuto affidarci questa responsabilità e questo compito. Siamo orgogliosi di noi stessi, perché abbiamo realizzato un bellissimo lavoro, un capolavoro. A volte dobbiamo essere capaci di riconoscere e affermare a noi stessi e agli altri il nostro valore e la nostra positività. Durante questi mesi lo abbiamo dimostrato: siamo stati capaci di coordinarci e portare avanti un ottimo intervento per la città di Lecco, che è la nostra terra di asilo”.

Nel corso della conferenza stampa è intervenuto anche il sindaco, Virginio Brivio: “La riqualificazione degli spalti realizzata dalle ragazze e dai ragazzi migranti volontari, completa un processo di rinnovamento di un impianto sportivo che necessitava di attenzioni. Se 500 mila euro è il valore dell’operazione di acquisto e posa del tappeto sintetico, inestimabile è quello del lavoro dei volontari ospitati nelle strutture del territorio provinciale, coordinato dai responsabili delle stesse e supportato dagli operatori comunali e dagli sponsor, per la doppia valenza di utilità e integrazione sociale che l’intervento nel suo complesso ha rappresentato.

Un progetto condiviso, frutto della convergenza e del lavoro sinergico messo in atto da tre assessorati, alle politiche sociali, al patrimonio e alla cultura, un progetto di integrazione che ha raccolto, in primis, il desiderio di partecipazione manifestato dai migranti stessi. In questo modo i ragazzi e le ragazze coinvolte hanno sia sperimentato e appreso procedure spendibili un domani nel mondo del lavoro, sia soprattutto avuto modo di sentire che il loro operato era di utilità per la comunità, di cui ora fanno parte e della quale vogliono e devono sentirsi attori protagonisti, anche attraverso il lavoro”.

 

 

Pubblicato in: Associazioni, lavoro, politica, Immigrazione, Città, Sport, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati