0

BUONI PROPOSITI DI INIZIO ANNO:
VENERDÌ UN WORKSHOP
DI SOFTCOACHING FEMMINILE

LECCO – Anno nuovo, vita nuova. Tutti noi, durante i primi giorni di gennaio, siamo pieni di buoni propositi, ma spesso finiamo per ritrovarci, a distanza di poche settimane, ancora legati a vecchi schemi e abitudini che ci rendono insoddisfatti e frustrati. Per qualche motivo sembra che sia impossibile cambiare e mantenere la motivazione necessaria a raggiungere quell’obbiettivo che, pieni di speranza, a inizio anno ci sembrava così vicino.

chiacchere da venere cristina pedretti

Eppure migliorarsi è possibile e c’è chi ha trasformato la crescita personale prima in una passione e poi in un vero e proprio lavoro. È il caso di Cristina Pedretti, esperta di crescita personale femminile, a cui è dedicato il blog “Chiacchiere da Venere” che conta oltre 10.000 followers su Facebook.
Venerdì 12 gennaio alle 17.30 Cristina terrà nello studio Ferrari di Corso Martiri il workshop gratuito  Diventa la donna che desideri grazie al supporto del coaching” a cui è possibile iscriversi entro martedì 9 gennaio scrivendo alla mail  segreteria@ferrariassociati.com.

L’abbiamo incontrata e intervistata per farci spiegare meglio di cosa si occupa e come si svolgerà l’evento lecchese.

Come ti sei avvicinata a questo mondo?
La mia passione per lo sviluppo personale nasce nel 2013, a seguito di un master in cui ho incontrato Massimiliano Ferrari, che ricopriva all’epoca il ruolo di formatore. È iniziata così una collaborazione, che continua ancora oggi, e lo stesso anno siamo riusciti a organizzare un incontro con Andrea Frausin, uno dei massimi esperti di crescita personale in Italia. Da lì mi sono ulteriormente interessata all’argomento ed è iniziato il mio percorso formativo presso la sua società, la Talenti Group.

In che cosa consiste questo “Life coaching”?
Effettivamente per molti è ancora un grosso punto di domanda: possiamo definirlo come un insieme di tecniche che consentono di tirare fuori il meglio di una persona. Il Life Coach è quindi una guida che, attraverso consulenze mirate sia attraverso il contatto digitale, sia attraverso l’incontro e il colloquio diretto, suggerisce attività pratiche, schede di riflessione ed esercizi in movimento in grado di stimolare le energie positive, riflessioni e azioni efficaci per intervenire su determinati aspetti della propria vita.
Il workshop di venerdì vuole dare una piccola infarinatura di come il coaching può aiutare una donna a migliorarsi esplicitando i propri talenti e realizzandosi al meglio.

Chi si rivolge ad un Life Coach?
Bisogna chiarire che un coach non ha la stessa funzione di uno psicologo: fa un servizio di consulenza, non certo medico. La sua consultazione inoltre non è riservata solo a chi ha un problema: certo il coaching aiuta a migliorare varie situazioni spiacevoli, ma soprattutto si rivolge a chi ha il desiderio di migliorarsi. Quindi anche se siamo già bravi in qualcosa, possiamo imparare strategie per essere ancora più efficaci: nuovi codici di comportamento e punti di vista che ci permettano di avere più scelta, e cioè di evitare la reiterazione di comportamenti sbagliati.

Come si diventa un professionista e come lo si distingue da un dilettante?
Si tratta purtroppo di una professione non ancora regolamentata in Italia da un albo specifico; in altri contesti, come nei paesi anglossassoni c’è una differente legislatura e il “Life coach” è un lavoro che da anni è conosciuto e apprezzato. In Italia è ancora visto come una figura mistica tra mago e psicologo, ma confido che, un po’ come è stato per i personal trainer in palestra, piano piano da professione “esclusiva” si estenderà ad un pubblico più ampio, diventando forse prima una moda ma conoscendo poi una vera e propria legittimazione della figura e dei professionisti che seriamente operano nel settore.

Sicuramente ci troviamo in una giungla, il mondo è pieno di ciarlatani che promettono di diventare coach nel giro di un weekend. Per tutelarsi bisogna cercare di capire attraverso i profili e i canali di un coach qual è il valore della sua esperienza e della sua pratica. Si tratta di un lavoro delicato che richiede una parte di formazione teorica che necessariamente dura mesi, se non anni. Inoltre un vero coach deve prima provare su di sé le tecniche che proporrà: sono i corsi in autoapplicazione, per sperimentare effettivamente l’efficacia degli stessi.

Nel mio percorso formativo presso la Talenti Group, ho sostenuto alcuni esami conseguendo la certificazione Coach, ma proseguo con la formazione e la pratica per arrivare al Master Coaching nei primi mesi del 2019.

locandina workshop chiacchere da venereQuali canali possiamo quindi utilizzare per conoscerti meglio?
Da un anno ho aperto un blog “Chiacchiere da Venere”, dedicato proprio al softcoaching femminile: lì potete trovare articoli, podcast e interviste, contenuti gratuiti per cominciare a lavorare su se stessi in autonomia, ma anche per capire che persona sono.
Vi aspetti poi al workshop di venerdì, ad iscrizione libera: prometto che non verranno vendute pentole o robot da cucina, ma cercheremo di conoscere alcuni strumenti utili alle donne per risvegliare la grinta e tirare fuori le loro capacità.
Dimenticavo, potete seguire la pagina FB e iscrivervi alla newsletter per rimanere aggiornati sui prossimi eventi.

Ci saranno altri appuntamenti?
 È in programma un piccolo corso che approfondirà il softcoaching femminile e stiamo organizzando altri piccoli eventi nel lecchese. Sicuramente abbiamo attivato una stretta collaborazione con Camilla Sandonini, personal trainer di Lugano e blogger di “Pink energy”, e in occasione della Festa della Donna abbiamo in calendario un incontro che unisca la parte di miglioramento personale a quella di allenamento fisico.

Chiara Vassena 

 

Pubblicato in: Città, Cultura, Eventi, Giovani, News, Psicologia Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati