BERGAMO: EVASI 10 MLN DI EURO
NEL COMMERCIO DEL FERRO.
139 TITOLARI DENUNCIATI

GDF ISPEZIONE E AUTOBERGAMO – La frode e l’indagine riferiscono al territorio bergamasco ma non è da escludersi, sebbene ancora non confermata, un’attinenza col lecchese, sia per contiguità territoriale sia soprattutto per il settore industriale coinvolto, quello della lavorazione del ferro.

I finanzieri della Tenenza della Guardia di Finanza di Clusone hanno scoperto una frode fiscale di circa 10 milioni di euro, perpetrata da una società a responsabilità limitata con sede fittizia a Brescia ma di fatto gestita in Rovetta (BG), presso il domicilio dell’amministratore.

I finanzieri hanno appurato che l’impresa verificata, a fronte di vendite ingenti (circa 10 milioni di euro, tra il 2008 e 2010), non aveva contabilizzato alcun costo relativo all’acquisto di merce destinata alla rivendita, ovverosia ferro tondino e rete elettrosaldata. Si trattava, pertanto, di una c.d. “cartiera”, priva di struttura e di dipendenti, costituita al solo scopo di emettere fatture per operazioni inesistenti a favore di altre imprese.

acciaioLa frode fiscale prevedeva che la società ispezionata cedesse “sulla carta” il ferro, riconducibile ad una azienda pugliese (amministrata dai medesimi soggetti), emettendo regolare fattura e consentendo di riscuotere l’IVA, che poi non veniva versata all’erario.

I successivi controlli, svolti anche mediante la collaborazione di altri reparti del Corpo sul territorio nazionale, hanno permesso di denunciare alla magistratura bresciana 3 soggetti, residenti rispettivamente a Rovetta (BG), a Pisogne (BS) e a Lovere (BG) e di segnalare alla stessa autorità giudiziaria altre 136 persone, titolari delle imprese che hanno acquistato il ferro presso l’azienda verificata, per responsabilità relative all’annotazione di fatture per operazioni inesistenti.

 

 

Pubblicato in: Dal mondo, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati