IL DECALOGO AMBIENTALE
DEL CIRCOLO ILARIA ALPI
PER I CANDIDATI ALLA REGIONE

LECCO – Un decalogo “ambientale” per i candidati alle elezioni Regionali della Lombardia. A proporlo è il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, associazione che da 28 anni agisce sul territorio comasco, lecchese e della Brianza a tutela dell’ambiente.

Con l’appello/decalogo, gli ambientalisti chiedono a tutti i candidati al Pirellone di dimostrare il loro impegno a favore della tutela del territorio e dell’ambiente naturale, ma anche per la salute e i diritti. E lo fanno sottoponendo a loro 10 punti, attraverso i quali i candidati posso dichiararsi a favore o meno delle proposte ambientaliste.

Questi i punti del decalogo predisposto dal Circolo Ambiente Ilaria Alpi:

TERRITORIO – consumo di suolo zero: rivedere i contenuti della Legge Regionale sul consumo di suolo, allo scopo di non permettere ulteriori edificazioni e di cancellare nei PGT le previsioni edificatorie non attuate; nel contempo incentivare la ristrutturazione e la riqualificazione energetica degli edifici esistenti e delle aree dismesse;  stop a nuovi centri commerciali e all’ampliamento degli esistenti;  interventi per la prevenzione del dissesto idrogeologico

AMBIENTE NATURALE – tutela assoluta Parchi, aree protette e paesaggio: salvaguardia assoluta dei Parchi e delle aree protette;  politiche di tutela e valorizzazione del paesaggio naturale come valore ambientale e culturale

LAGHI e FIUMI – salvaguardia di laghi e corsi d’acqua: tutela e disinquinamento delle acque superficiali dei laghi, dei fiumi e dei reticoli idrici;  preservazione delle aree golenali

QUALITA’ DELL’ARIA – contenimento dell’inquinamento atmosferico: adottare un Piano di emergenza per il risanamento della qualità dell’aria, in particolare attraverso politiche di mobilità sostenibile, di efficientamento energetico degli edifici e di contenimento dell’inquinamento industriale

ACQUA – gestione pubblica s.i.i. e tutela risorse idriche: rivedere la legislazione regionale per favorire la gestione totalmente pubblica del servizio idrico integrato (nel rispetto del Referendum nazionale del 2011);  tutela delle risorse idriche attraverso la salvaguardia di sorgenti e falde

RIFIUTI – riduzione alla fonte; stop inceneritori/discariche: introdurre politiche di riduzione alla fonte dei rifiuti prodotti, di aumento delle raccolte differenziate finalizzate al recupero di materia; politiche di riduzione dei quantitativi e della pericolosità dei rifiuti speciali; ridurre drasticamente il ricorso all’incenerimento e alle discariche

ENERGIA – efficienza energetica, energie rinnovabili: incentivi per l’efficientamento energetico degli edifici pubblici e privati: coibentazione, fotovoltaico e solare termico;  nel contempo incentivi per la mappatura e la rimozione amianto

MOBILITA’ SOSTENIBILE – stop a nuove tangenziali e autostrade; potenziare il servizio ferroviario e le ciclovie: adottare politiche di mobilità sostenibile che escludano nuove tangenziali o autostrade;  sostegno al Trasporto Pubblico Locale e in particolare investimenti per migliorare e potenziare sia le infrastrutture ferroviarie che il servizio ferroviario (Regione Lombardia è azionista sia di FNM che di Trenord);  incentivi per la realizzazione di nuove ciclovie

AGRICOLTURA – sostegno all’agricoltura biologica: incentivare il passaggio al biologico delle coltivazioni agricole; sostegno alla coltivazione dei prodotti tipici locali

LEGALITA’ – lotta alla corruzione e alle mafie: prevenzione della corruzione (partendo dalla Regione stessa, dove nelle ultime legislature si sono avuti svariati casi di corruzione);  regole stringenti contro corruzione e mafie negli appalti e subappalti;  azioni di lotta alla criminalità organizzata

Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” chiede pertanto a tutti i candidati alle elezioni regionali (in particolare quelli delle province di Como e Lecco) di rispondere (anche pubblicamente), specificando i punti di adesione (le risposte vanno inviate a: info@circoloambiente.org).

L’auspicio degli ambientalisti è che i futuri consiglieri regionali pongano particolare attenzione alla tutela dell’ambiente, della salute, dei diritti.

 

Pubblicato in: Elezioni, politica, Ambiente, Città, Hinterland, Valsassina, Lago, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati