0

AL VIA LA ‘MAGNODENOCUP’
IL 27 CON LA ’3 COI DE CIÜS’:
IN PALIO UNA PEPITA D’ORO

slider1-azz-1170x500LECCO – I vincitori di una gara solitamente si aspettano di ricevere una coppa da innalzare o un trofeo, ma che accadrebbe se, invece, conquistassero una pepita d’oro? È proprio un frammento del prezioso metallo a essere messo in palio alla prima edizione della “3 coi de Ciùs”, il 27 maggio, gara podistica di corsa in montagna, organizzata dal comitato del  Palio del Beato Serafino di Chiuso.

I promotori dell’iniziativa spiegano così questa scelta originale:”Per chi non lo sapesse, -anche le nostre montagne in passato sono state metà di cercatori che, non dandosi mai per vinti, hanno cercato senza tregua; scandagliando fiumi e rupi, battendo boschi e incuneandosi in tenebrose grotte per trovare la tanto sospirata quanto splendente pepita. Vogliamo regalare il brivido adrenalinico intrinseco alla scoperta della preziosa pepita. Quel brivido che percorre chi entra in possesso di quel piccolo tesoro, che va ben oltre il mero valore economico”.

campose1La corsa, realizzata in collaborazione con Affari&Sport, è valida come prima prova del nuovo circuito “Magnodenocup”, un circuito di gare organizzate nel lecchese, che hanno come punto in comune il percorso che si articola sulle pendici del monte Magnodeno. Le altre competizioni aderenti sono il VERTICAL del Magnodeno (Festa rionale di Maggianico, il 3 settembre), il percorso Rosso della RUNVINATA (Germanedo, il 9 settembre) e la CORSA A COPPIE DELL’INNOMINATO (Vercurago, il 23 settmebre). Con la somma dei piazzamenti nelle 4 gare si stilerà una classifica che permetterà di assegnare al miglior e alla migliore skyrunner il primo Trofeo griffato “MagnodenoCup.

La “3 Coi de Ciùs” si snoda su un percorso misto, molto corribile, che tocca i rioni lecchesi di Maggianico, Belledo, Vercurago (Somasca) e Chiuso. Si correrà soprattutto su sentieri montani, all’interno dei boschi, raggiungendo e percorrendo alcuni tratti del
rinomato sentiero “Rotary” di Lecco, ai piedi del monte Magnodeno, molto conosciuto tra gli escursionisti lecchesi. Il tracciato di gara, come indica il nome, raggiungerà 3 tra le mete più gettonate dagli appassionati Lecchesi: Campo de Boi, Camposecco e la Rocca dell’Innominato. La partenza avverrà nei pressi del convegno dell’oratorio di Maggianico  mentre l’arrivo sarà posizionato all’oratorio di Chiuso.

3-Coi-de-Cius-mappa-2-MODSi partirà sul piano, percorrendo circa 2 km di strada asfaltata, così da permettere al gruppo di sfilacciarsi per poi
affrontare i sentieri montani senza troppi affollamenti. Da Maggianico si procederà in direzione del rione lecchese di Belledo percorrendo il viale “alberato” Valsugana. Arrivati in via S. Barbara comincerà la salita: un percorso misto (ciottolato, sentiero, strada sterrata) che ci porterà fino alla località Neguggio…(qui gli altri dettagli del percorso).

14. 7 chilometri e 850 metri di dislivello totale positivo per una gara da fare tutta d’un fiato, molto nervosa ed impegnativa ma sicuramente affascinante e caratterizzata da paesaggi mozzafiato made in Lecco.

Programma :
Ore 15.00: Ritrovo dei partecipanti presso l’oratorio di Maggianico.
Ore 16.00: Chiusura iscrizioni
Ore 16.30: Partenza gara nei pressi del Convegno dell’oratorio di Maggianico, in via Zelioli
Ore 17.45: Arrivo previsto del primo concorrente, presso l’oratorio di Chiuso
Ore 19.00: Premiazioni
A seguire cena con buono pasta offerto per tutti i partecipanti.

 

 

Pubblicato in: Città, Montagna, News, Sport Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati