A SCUOLA CON GLI INFERMIERI
PER VEDERE IL PRIMO SOCCORSO

InfermierACALOLZIOCORTE/OGGIONO – Nei mesi di marzo e aprile, gli infermieri membri del consiglio direttivo dell’Ordine delle professioni infermieristiche (Opi) di Lecco hanno organizzato e svolto diversi incontri presso gli istituti Lorenzo Rota di Calolziocorte e Vittorio Bachelet di Oggiono, incontrando gli studenti che frequentano le classi quarte. L’iniziativa, avviata già da diversi anni da quello che era il Collegio Ipasvi, è volta ad approfondire la conoscenza del sistema di emergenza e urgenza regionale e far conoscere la figura dell’infermiere.

Nell’immaginario dei più l’infermiere è visto in una corsia di ospedale con indosso una divisa mentre è impegnato in attività assistenziali, ma essere infermieri non è solamente questo. Il codice deontologico degli infermieri recita che: “L’assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si realizza attraverso interventi specifici, autonomi e complementari di natura intellettuale, tecnico-scientifica, gestionale, relazionale ed educativa”. Sulla base di questo l’Opi Lecco ha deciso di intavolare un progetto che promuovesse la “cultura della Salute” nelle scuole superiori del territorio.

logo_areuL’obiettivo educativo principale alla base del progetto è quello di diffondere tra i più giovani la cultura del primo soccorso illustrando la struttura del sistema di emergenza urgenza in Lombardia, insegnando le basi per una corretta attivazione dei soccorsi con le modalità di esecuzione della chiamata al numero unico per l’emergenza 112, e fornendo nozioni teorico pratiche per la gestione delle principali patologie mediche e traumatiche nell’attesa dei soccorsi avanzati. La volontà dunque, è quella di trasmettere ai ragazzi la consapevolezza di ciò che sono le risorse che li circondano e come usufruirne in maniera adeguata e civile.

In parallelo vi è inoltre l’intento di promuovere e far conoscere la figura professionale infermieristica: chi è, in quali aree opera e che percorso di studi segue l’infermiere; aspetti ancora poco noti alla maggior parte dei cittadini, alla luce di importanti riforme e cambiamenti avvenuti negli ultimi decenni.

calolzio istituto lorenzo rota 2I corsi si articolano su un intervallo di quattro ore in seduta plenaria, due infermieri si avvalgono di tecniche di insegnamento teorico/pratico con un tono che è, per scelta, informale, teso a coinvolgere il più possibile i ragazzi in maniera interattiva alleggerendo e rendendo familiari argomenti certamente importanti. Il ritorno ricevuto è da sempre positivo: questa tipologia di corsi è apprezzata dagli studenti, che si sentono coinvolti in prima persona e partecipano attivamente alle iniziative proposte. Al termine di ogni edizione è comunque prevista la somministrazione di un questionario volto a percepire la qualità degli interventi, con il fine di migliorare costantemente l’offerta formativa.

Gli infermieri dell’Opi Lecco credono profondamente in questo progetto, sia per i contenuti, che per la piena valorizzazione della figura infermieristica e del ruolo educativo dell’infermiere nella popolazione; per questo motivo il progetto viene costantemente implementato e verrà riproposto anche nei prossimi anni scolastici. Mossi da forte motivazione e sull’onda di queste iniziative, si stanno sviluppando incontri rivolti a tutta la popolazione proseguendo in ambito di promozione della cultura della salute.

 

Pubblicato in: Giovani, Calolziocorte, Sanità, Oggiono, Hinterland, News Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati