MONUMENTI LECCHESI,
AL VIA I RESTAURI DEL 2019
PER QUATTRO STATUE

LECCO – Altri nuovi lavori in arrivo col nuovo anno. Dopo l’avvio della riqualifica del pontile della Rovinata, grazie alle opportunità offerte dal regolamento per la collaborazione tra cittadini attivi e amministrazione comunale, quattro ulteriori compendi monumentali saranno restaurati. Si tratta dei monumenti dedicati ai caduti della Grande Guerra siti a San Giovanni alla Castagna in piazza Felice Cavallotti, Maggianico in via Gaudenzio Ferrari e a Castello in piazza Antonio Dell’Oro. A questi si aggiunge il restauro del monumento dedicato a Mario Cermenati nell’omonima piazza.

Grazie alla collaborazione della società Vemax di Milano, infatti, le opere realizzate da Angelo Mantegani a San Giovanni alla Castagna nel 1920 e a Maggianico nel 1925, da Francesco Confalonieri a Castello nel 1920, e da Francesco Modena in piazza Cermenati nel secondo dopoguerra, ritroveranno una veste e un decoro fondamentali.

Gli interventi saranno ancora una volta curati dal maestro restauratore Giacomo Luzzana di Civate, che opera nel settore della conservazione e del restauro di beni mobili e immobili, come affreschi, decorazioni, materiali lapidei naturali e artificiali, e che già ha prestato la sua opera nell’ambito della conservazione del monumento nazionale ad Alessandro Manzoni, del monumento ad Antonio Stoppani e della statua dorata di San Nicolò, Santo Patrono di Lecco.

Il 15 gennaio inizierà il montaggio del ponteggio perimetrale in piazza Cermenati. Il compendio dedicato a Mario Cermenati si compone di un alto piedistallo a foggia rocciosa sul quale è posto il ritratto scultoreo in marmo del naturalista e politico lecchese. La statua di Francesco Modena andò a sostituire l’originale effige bronzea realizzata da Mario Rutelli, requisita durante il secondo conflitto mondiale e utilizzata quale materia prima nella produzione bellica. Dopo le prime verifiche e analisi, seguirà la pulitura del granito, la stuccatura delle fessure, l’applicazione di uno specifico prodotto lichenicida ed eventualmente la stesura di un protettivo, nonché la ripresa delle lettere incise. I lavori proseguiranno fino a primavera inoltrata, in quanto le prime analisi comporteranno del tempo di inattività necessario alla restituzione di alcuni dati finalizzati alla corretta scelta dell’approccio operativo e dei prodotti consigliati dalla soprintendenza.

In primavera inizieranno poi le analisi preliminari propedeutiche ai successivi necessari interventi sui monumenti ai caduti della Grande Guerra. “Sono orgoglioso – commenta l’assessore alle opere pubbliche e al decoro urbano Corrado Valsecchi – di poter iniziare il 2019 con una serie di restauri importanti di alcuni nostri compendi monumentali siti in diversi rioni. In questi tre anni abbiamo restaurato, con risorse interamente versate da privati, quindi senza alcun onere in carico al Comune, tanti monumenti dedicati a illustri personaggi, che da tempo versavano in condizioni indecorose, come il Patrono San Nicolò, l’abate Stoppani, Alessandro Manzoni, Giuseppe Mazzini, Antonio Ghislanzoni, Pietro Vassena, nonché il monumento ai Caduti sul lungolago e i monumenti e le targhe dedicate agli eroi della Resistenza“.

Sempre nell’ambito della valorizzazione dei nostri monumenti, nei prossimi giorni la statua di Alessandro Manzoni – nell’omonima piazza – sarà illuminata grazie al contributo della famiglia di Pierdomenico Frigerio, che era già intervenuta nell’ambito della valorizzazione illuminotecnica del monumento ai caduti sul lungolago.

 

Pubblicato in: Cultura, Città Tags: , , , , , , , ,

Condividi questo articolo

Articoli correlati