STORIE DELLA LINGUA ITALIANA:
GREY’S ANATOMY, SPOILER ALERT
DA CHE PALPITO VIEN LA PREDICA

meredith greyGrey’s Anatomy lo conosciamo tutti. Undici anni per dodici stagioni, oltre 200 episodi. Tra operazioni chirurgiche, incendi, incidenti automobilistici, aerei e ferroviari, annegamenti, sparatorie, parti complessi e chi più ne ha più ne metta.

Il tutto favorito dalla voce guida, la protagonista Meredith Grey: due sorelle a carico, della cui esistenza è stata all’oscuro per oltre 20 anni, provenienti da genitori differenti. Una love story infinita tra l’apprendista in chirurgia generale e il capo degli specializzandi, il neurochirurgo Derek Sheperd, in arte dottor Stranamore. Un infinito tira e molla e molte peripezie alla base della loro storia d’amore: prima Derek non dice a Meredith di essere sposato, poi lei si butta tra le braccia del veterinario, così che i due tornino sui loro passi e riprenda la passione, si sposano, non si sposano, vivono insieme poi no, lui si trasferisce per lavoro a Washington e lei resta a casa coi bambini, lui decide di tornare, ma in un incidente stradale perde la vita.

grey-s-anatomy-12-cristina-meredith-cristinaNel frattempo frotte di incidenti e morti di ogni tipo si susseguono a Seattle, tra cui lo sconosciuto O’ Malley; Izzie col cancro che poi sparisce; le fidanzate psicopatiche di Alex; la morte di madre, matrigna, padre e sorella di Meredith e la partenza della migliore amica, ma una costante affollava le mille paturnie della complicata Meredith, la “sua persona”, Cristina Yang, cardiochirurgo, quasi sposa del proprio capo, anch’esso cardiochirurgo e poi eterna fidanzata del militare Owen. Grazie ai consigli di Cristina, Meredith riesce a barcamenarsi tra mille problemi e difficoltà, “segui il tuo cuore, segui le palpitazioni” la incitava Cristina.

Con Derek o senza Derek? Segui il cuore. Derek. Lo sposo o non lo sposo? Palpitazioni. Lavastoviglie o lavaggio a mano? Gonna o pantalone? Ceretta o silk epil? Il flusso costante del cuore di Meredith, il martellante rimbombare proveniente dal proprio petto, sarà quanto controllerà ogni sua azione fino alla fine della decima stagione.

meredith in lacrimeSandra Oh lascia il cast. Cristina non esiste più. Come far funzionare Meredith senza la sua persona? Una sola è la soluzione possibile, rendersi conto “da che palpito viene la predica”, era inutile accogliere i consigli di Cristina, nonostante di ventricoli, aorta e operazioni a cuore aperto fosse un’esperta, poiché la provenienza di quei battiti era la stessa che se n’era andata lasciandosi tutto alle spalle. Inutile dare retta ai “segui il tuo cuore, vedrai che passerà, devi affrontare le situazioni di petto” di Cristina, quando il suo stesso petto aveva preso la decisione di scappare in Svizzera. Inseguire il battito del cuore di Cristina, fece sì che Meredith si rese conto dell’ovvietà del commettere errori da parte di tutti.

Le palpitazioni di Cristina avevano preso il largo, la stessa che consigliava a Meredith di affrontare i problemi era poi fuggita. Infarto. La necrosi di un’amicizia.

Meredith si rende conto che, dalla decima stagione in poi, sarebbe stato meglio ragionare con la testa, quindi è con l’utilizzo della ragione che realizza quanto Cristina fosse in torto, “da che pulpito viene la predica” pensava Meredith. Sottolineando come non fossero i battiti del cuore dell’amica a aiutarla, quanto piuttosto ci si appellasse alla locuzione proveniente dalla chiesa cattolica, tenendo conto appunto che il pulpito è la postazione del parroco in mezzo alla navata, secondo cui chi predica è il primo a non fare quanto dice.

cristinaCristina non è forse scappata? Non si è depilata tutte le sopracciglia definendo un look che farebbe perdere la fiducia nel genere umano al povero Enzo Miccio? Cristina non ha sempre provato a impedire la relazione tra Meredith e il suo capo, per poi fidanzarsi anch’essa con Burke, il cardiochirurgo capo, e successivamente con  il primario Owen? Cristina, donna estremamente razionale e meticolosa, non è rimasta incinta e ha poi abortito ben due volte?

Quindi, cara Meredith, meglio ragionare con la propria testa, e non dare retta alle palpitazioni, nè alle affermazioni di chi poi, si sa, farà l’esatto contrario di quanto detto.

Martina Panzeri

>Leggi qui le altre storie della Lingua Italiana

 

 

Pubblicato in: Cultura Tags: 

Condividi questo articolo

Articoli correlati